Un autista dal cuore d’oro

Una po’ di tempo fa, la capitale argentina, Buenos Aires, è stata colpita da un forte temporale. Fuori pioveva a dirotto e soffiava un vento forte che piegava gli alberi. Non c’era più quasi nessuno sulle strade a parte i pochi che erano costretti a spostarsi per andare al lavoro. Purtroppo, però, quando la natura si scatena, i primi a farne le spese sono gli animali.


Infatti, la storia che vi vogliamo raccontare ha come protagonisti 3 di questi cagnolini. A raccontarla è una donna, Stella Maris San Martín, che è stata testimone di un fatto straordinario di gentilezza e che ha voluto raccontarlo. La donna stava viaggiando su un autobus quando l’autista ha notato che fuori, sotto la pioggia incessante, c’erano 3 cagnolini randagi spaventati e tremanti che non avevano nessun riparo. Sui mezzi in comune di Buenos Aires è vietato far salire gli animali, a meno che non si tratti di cani di servizio che accompagnano le persone con disabilità. Ma l’uomo ha deciso di infrangere queste regole. Ha fermato l’autobus e ha aperto le porte. I cagnolini, che non sembravano aspettare altro, sono saliti di corsa e si sono rifugiati sotto i sedili dell’autobus. Nel loro sguardo si leggeva la gratitudine. Alcuni passeggeri hanno dato loro qualcosa da mangiare e uno di loro si è andato a mettere vicino al conducente. Una scena dolcissima che la donna ha voluto immortalare e raccontare. Ha detto che l’autista del mezzo “parlava con loro come se fossero i suoi…”

L’autista è diventato un eroe, ma la sua identità rimane un mistero. Anche se normalmente gli animali non sono ammessi sugli autobus, i vertici della compagnia di trasporto pubblico a Buenos Aires hanno elogiato il gesto dell’uomo, definendolo una commovente dimostrazione di solidarietà.

Hanno anche promesso un premio all’uomo, chiedendogli di farsi avanti.

foto di repertorio

Ma nessuno si è fatto avanti e questo dimostra che quella persona è fedele al principio: “il bene si fa ma non si dice”.

Noi non possiamo fare altro che congratularci con lui per il suo bel gesto e augurargli il meglio.