Un ferragosto con multa

Cani in prima linea quando si tratta di salvare vite umane sotto le macerie… o in mare aperto. Cani che accompagnano i disabili e rendono più facile la loro vita… cani che difendono i bambini quando si trovano inaspettatamente in pericolo… Non c’è dubbio: i cani sono i nostri migliori amici.



ACQUISTA IN SCONTO IL GUANTO MAGICO!

Ebbene, direte… questo si sapeva. Ma noi, umani, siamo davvero i migliori amici dei cani? Li maltrattiamo, li abbandoniamo e li facciamo soffrire sottoponendoli ad esperimenti crudeli. Eh, già… ma mi direte che voi non siete così e che non tutti gli umani li maltrattano. E io devo darvi ragione. Non tutti li maltrattano ma molti non li trattano con il dovuto rispetto. E per spiegarmi meglio vi racconto una storia accaduta esattamente un anno fa, nel giorno di Ferragosto. In questa storia nessun animale è stato maltrattato ma, secondo noi, è stato fatto un torto enorme alla razza canina in generale. La protagonista di questa storia è la signora Carla Ubaldi che ha fatto un post sul suo profilo personale in cui si è sfogata raccontando quello che le era successo nel giorno di ferragosto a lei e ai suo amati cagnolini. Carla aveva deciso di fare una passeggiata in riva al mare insieme ai suoi 2 cani e ha ricevuto come regalo di ferragosto una bellissima multa di 100 euro. Sappiamo che molti stabilimenti balneari hanno delle regole ma Carla stava passeggiando su una spiaggia libera (nello specifico, si tratta della bellissima Spiaggia di Collelungo nel Parco Naturale della Maremma) e che la zona era quasi deserta. Non c’erano molte altre persone nel giro di chilometri… ma è bastata una che si è lamentata.

ACQUISTA QUI TAPPETINO REFRIGERANTE

Questo non ha impedito ai vigili di fare la multa a Carla e alle sue “belve” (tenute rigorosamente a guinzaglio ed essendo munita di bustine per raccogliere i loro bisognini) per aver osato a camminare su una spiaggia.

Da vedere qui sotto com’era la spiaggia scelta da Carla per portare a passeggiare i suoi 2 lupi mannari”

E come sono di solito le spiagge dove passeggiano gli umani.

Carla, ovviamente, è arrabbiata e delusa e ha chiesto a tutti di condividere il suo sfogo sui social per cercare di attirare l’attenzione su questa ingiustizia.