Un futuro per Francesco, il senzatetto e per il suo cane Tommaso

Un futuro per Francesco, il senzatetto e per il suo cane Tommaso: era questo il video appello che girava sui social; poco fa, la svolta.

Home > Animali > Un futuro per Francesco, il senzatetto e per il suo cane Tommaso

Un futuro per Francesco, il senzatetto, e per il suo cane Tommaso, era questo quello che Loredana Pronio, la donna che ha girato il video, chiedeva nel suo appello. Francesco è un senzatetto di 63 anni finito in strada insieme al suo cane Tommaso. Ecco la loro storia.

La storia di Francesco, il clochard di Roma, che chiedeva un posto dove dormire e un piatto di pasta per lui e il suo cane Tommaso, ha fatto, in poche ore, il giro del nostro paese. L’uomo, che di solito vive nella zona di via Veneto a Roma, è stato intervistato da Loredana Pronio, la presidente dell’associazione FederFida, che ha cercato di aiutarlo postando il video sui social. Ecco cosa diceva Francesco nel video:

tommaso-francesco

“So fare tantissime cose: cucinare, pulire, lavori di giardinaggio, di muratura, di idraulica. Non ho nessun vizio se non il divorare libri e l’amore grande per gli animali! Non chiedo stipendio ma solo un letto ed un pasto per me e Tommaso…”

L’uomo ha raccontato che tutto è iniziato negli anni novanta quando ha divorziato, diventando un senzatetto. A notarlo per prima è stata un’avvocata, Maria Teresa Napolitano che lo ha incontrato per strada mentre frugava nella spazzatura. È stata lei a contattare Loredana Pronio e chiederle una mano per Francesco.

clochard-roma

E sembra che il destino ha deciso di dare una mano al senzatetto Francesco: andrà a Mantova, ovviamente insieme al suo cane Tommaso. Il video è stato visto dal proprietario di un maneggio che gli offrirà vitto e alloggio in cambio di un aiuto alle stalle e con il suo orto.

senzatetto

Francesco, felicissimo, ha accettato. Ha detto:“Sono felice, mi piace stare all’aria aperta” ed è già partito per Mantova.

Noi gli auguriamo tanta felicità, a lui e al suo cane Tommaso. Se lo meritano davvero. E un grande grazie va anche all’uomo che ha deciso di accoglierlo.