Un Husky magrissimo era così spaventato che non voleva lasciare il suo angoletto

In una proprietà di Harbin, in Cina, circa 2000 cani corrono allegri. Sono cani salvati dalle strade o dai macelli… ma un cucciolo è troppo spaventato per lasciare il suo angolo. Harriet si distingueva dagli altri cani del Centro per il recupero degli animali di Harbin Slaughterhouse Survivors (SHS): era una femmina di husky scheletrica con la pelliccia rovinata e sporca, che rimaneva seduta nell’angolo come una statua pietrificata.



ACQUISTA IN SCONTO IL GUANTO MAGICO!

Ma Rachel Hinman, una volontaria statunitense di Harbin SHS e i suoi colleghi sono stati in grado di riportarla in salute e farle tornare la fiducia negli umani. Ora Harriet sembra completamente diversa. Tutti i cani che vivono presso la struttura sono sotto la cura di Harbin SHS. Provengono tutti da circostanze simili: sono o randagi o animali salvati dai camion che li portavano nei macelli. La donna che possiede l’edificio salva i cani e li protegge da coloro che li trasportano ai macelli e ai mercati della carne. Permette anche a Harbin SHS di ospitare cani come Harriet, che hanno bisogno del maggior aiuto. Nel caso di Harriet, Rachel e i suoi compagni volontari sapevano che aveva un bisogno disperato di aiuto. Rachel ha raccontato:

ACQUISTA QUI TAPPETINO REFRIGERANTE

“Stavamo visitando la proprietà a maggio e nell’angolo più lontano, vedo questo piccolo piccolo husky dall’aspetto completamente stravolto. Ho provato ad allungare la mano e lei si è seduta lì nell’angolo. Non avevamo idea da dove venisse ma sapevamo che non stava andando bene.”

“La sua pelliccia era sporca di feci e la sua sottile struttura ossuta indicava che soffriva di malnutrizione. Per fortuna, Harriet non aveva seri problemi medici, oltre alla sua pelliccia arruffata e agli evidenti segni di malnutrizione.”

Mentre continuava a guadagnare forza, anche Harriet divenne fiduciosa, e prima che se ne rendesse conto, partì per un’altra incredibile avventura, questa volta in Canada.

Rosee Vallee ha visto la sua foto online e sapeva di volerla adottare. Alla fine di luglio, Harriet volò con un volontario a San Francisco, dove incontrò Rosee per la prima volta.

Rosee ha detto:

“Sapevo che la volevo addottare il secondo che l’ho vista; sembrava così triste e tutto ciò che volevo fare era renderla felice subito.” Da quando è entrato a far parte della famiglia di Rosee, Harriet è stata ribattezzata Bailey.