Una cucciolata salvata in extremis

Home > Animali > Una cucciolata salvata in extremis

La crudeltà umana è qualcosa che non cesserà mai di stupirmi negativamente. Com’è possibile che la stessa specie che costruisce opere d’arte, compone meravigliose sinfonie, organizza incontri multiculturali, inventa vaccini che salvano migliaia di vite possa a sua volta essere capace di tanto male e distruzione? È qualcosa che non capirò mai.

Proprio come non riuscirò mai a capire come possa essere il cuore di una persona capace di lasciare un gruppo di cuccioli indifesi, affamati e malati abbandonati al loro destino. Soprattutto quando le condizioni dei cuccioli erano sicuramente dovute alla negligenza di quella stessa persona. Tante persone hanno unito le forze per salvare un gruppo di cuccioli lasciati in una scatola di fronte a una casa abbandonata ad Atlanta, negli Stati Uniti. Un buon samaritano sentì il disperato grido d’aiuto dei poveri cuccioli abbandonati che combattevano per la propria vita. Senza perdere tempo, questa persona portò i cuccioli in un rifugio per animali ma le loro condizioni erano davvero spaventose. Il rifugio non sarebbe stato in grado di salvarli. Come fanno sempre nei casi più critici, i volontari del rifugio hanno avvisato il team di Rescue Dogs Rock NYC per richiedere l’assistenza di emergenza. I cuccioli di circa 6 settimane pesavano appena 2 chili ciascuno ed erano in gravi condizioni. La squadra di soccorso li ha trasferiti con urgenza in un ospedale veterinario specializzato in questi casi. “Tutti sono malati di scabbia e ogni centimetro del loro corpo è pieno di ferite e di croste, hanno infezioni dappertutto e sono anemici…

Uno dei cuccioli è dovuto essere collegato all’ossigeno, ha detto Jackie O’Sullivan, la co-fondatrice dell’organizzazione.

Questi cuccioli stavano combattendo per le loro vite con tutta la forza che avevano lasciato nei loro corpicini piccoli e deboli.

La situazione era urgente, la squadra di soccorso non poteva voltare le spalle a quei piccoli adorabili.

Nella loro breve vita non avevano conosciuto altro che fame, malattia, dolore e sofferenza.


I cuccioli hanno ricevuto farmaci per via endovenosa, siero e analgesici.

Quello che era nello stato più critico era un piccolo che era troppo freddo.

La sua temperatura corporea raggiungeva a malapena i 34° C e si temeva che il cucciolo fosse settico.

I veterinari hanno fatto tutto il possibile per aiutare i cuccioli, la prognosi era molto riservata e i costi dell’emergenza medica erano molto alti.

Ma, alla fine, si sono salvati tutti.

E appena staranno meglio, avranno bisogno di una nuova casa..