Una nuova vita per Gaia

Gaia è stata adottata

Home > Animali > Una nuova vita per Gaia

La storia di Gaia in queste ultime settimane aveva tenuto tutti con il fiato sospeso. La cagnolina incinta che si era avvicinata alle case in cerca di cibo aveva ricevuto in cambio un colpo di fucile. Colpita alle zampe posteriori rimase a terra in attesa, o della morte o della salvezza. Gaia, così si chiama

adesso venne recuperata dall’Oipa di Salerno. Portata in clinica la situazione sembrò da subito disperata. Non poteva essere operata perché era gravida in stato avanzato, infatti pochi giorni dopo ha dato alla luce i suoi piccolini. La nascita dei piccoli aveva regalato qualche sorriso e ridato a Gaia uno stimolo in più, ma anche questa volta il destino si accanisce su questa creatura. Nel giro di due giorni i piccoli volano sul ponte dell’arcobaleno, lasciando la mamma sola, nuovamente sola a lottare. A pochi chilometri da lì vive una famiglia che ha seguito la storia di Gaia, così vanno in clinica per conoscerla, forse già consapevoli che era l’amore ad averli condotti lì. Gaia esce dalla clinica tra le braccia di papà Domenico, l’hanno portata via, a casa con loro. Con Gaia affronteranno una grande battaglia, dovranno valutare la possibilità di tornare a fare qualche passo, i pallini sparati hanno devastato i muscoli. In più Gaia era una randagia, ha timore di tutto, per lei ogni rumore equivale ad una bomba. Ma quale medicina conoscete per questo migliore dell’amore di una mamma e un papà? Auguriamo il meglio a Gaia, auguriamo tanta salute a questa famiglia, ogni bene deve arrivare alle persone come voi che hanno il cuore pieno di generosità per queste creature a cui noi, continuamente facciamo del male. Vi lascio il video di Gaia a casa

Le condizioni erano queste

La nascita dei piccolini aveva regalato un pò di serenità

L’uomo, composto e moderato non si espone troppo davanti ai giornalisti, augura solo alla persona che ha reso Gaia invalida condannandola a vita, che il giorno migliore della sua vita sia quello del funerale, come possiamo dargli torto?