Una situazione ingarbugliata

La scorsa settimana, i funzionari di controllo degli animali della Nebraska Humane Society hanno ricevuto una chiamata insolita. Un proprietario di casa di Elkhorn ha detto di aver trovato un gruppo di sei piccoli scoiattoli, in difficoltà, con le code annodate insieme. Tutto iniziò quando Craig Luttman sentì alcuni strani suoni stridenti fuori dalla sua casa.


Quando uscì per guardare, trovò uno strano animale a sei teste che cercava di arrampicarsi su un albero nel suo cortile. Era uno strano ammasso di teste, zampe, code, orecchie e occhi… “Era come un tiro alla fune”, ha detto Luttman all’Omaha World-Herald. “Tutti stavano andando in direzioni diverse.” L’uomo, all’inizio, ha fatto fatica a capire di cosa si trattava e ha chiamato i soccorsi. Appena i soccoritori sono arrivati sul posto hanno capito cos’era successo: si trattava di sei scoiattoli che avevano le code completamente intrecciate. Gli scoiattoli ansiosi sono stati consegnati sani e salvi al Nebraska Wildlife Rehab per un completo recupero. Per quanto possa sembrare folle, in Nebraska questo genere di cose non è inaudito. Laura Stastny, direttrice esecutiva del Nebraska Wildlife Rehab, ha dichiarato all’Omaha World-Herald di ricevere questo tipo di telefonate ogni 1 o 2 anni. In realtà, questo genere di cose si pensa anche che accada anche ad altri piccoli roditori, come topi. Infatti questa situazione porta il nome di re dei ratti o nodo dei ratti. Si tratta di un bizzarro fenomeno naturale in cui un numero variabile di ratti, per motivi del tutto sconosciuti, finiscono per intrecciarsi le code in un nodo così indissolubile, da non riuscire a liberarsi per il resto della loro vita. Il nome di “re dei ratti” è dovuto a vecchie superstizioni e mitologie. Negli scoiattoli, spiegò Stastny, il groviglio si verifica più spesso a causa della linfa appiccicosa degli alberi in cui nidificano questi mammiferi e che può far sì che le code degli scoiattoli finiscano per incollarsi insieme quando stanno ancora nei loro nidi, poco dopo la nascita. Altre volte, invece, il colpevole è un laccio o filo che, in qualche modo, finisce all’interno del nido.

Prima che Stastny iniziasse a districare i piccoli scoiattoli, diede loro alcuni delicati antidolorifici e li coprì con un asciugamano in modo da farli rimanere più tranquilli. C’è voluta circa un’ora prima che fossero tutti separati con successo.

Alla fine, i piccoli scoiattoli stavano tutti bene, anche se alcuni hanno dovuto subire un piccolo intervento chirurgico sulle parti della coda danneggiate.

Tuttavia, se Luttman non avesse chiamato i soccorsi per quei scoiattoli, il finale non sarebbe stato dei migliori. Se i piccoli fossero rimasti incollati insieme, avrebbero potuto morire di fame o diventare un bersaglio facile per i predatori affamati.

Per fortuna, gli scoiattoli dovrebbero riprendersi completamente dalla brutta avventura e appena staranno meglio, cioè tra circa due settimane, saranno rilasciati nel loro ambiente.