Una sorpresa spiacevole

Rientra a casa dopo una passeggiata con il cane e ha una sorpresa spiacevole

Home > Animali > Una sorpresa spiacevole

La terribile immagine è diffusa dai social network e fa rabbrividire tutti i proprietari di cani. Si perché quello che è accaduto a questo cane di solito accade ai randagi, ai cani figli della strada, ai cani che nessuno ama e che nessuno accudisce. Incredulo l’uomo al ritorno a casa, non smetteva di piangere pensando a quello che stava

accadendo al suo pelosetto. Devi guardare tutto il corpo poiché sono ovunque – dal naso alla punta della coda. Devi guardare sotto il ventre, sotto le gambe, dietro le orecchie e nel collo, dice Elin Reimegård. L’inizio del calore suppone anche l’inizio del periodo critico. E nel gruppo più colpito ci sono i nostri amici a quattro zampe.

Ora sui social network si è diffusa la zampa di un cane con circa 50 zecche. L’immagine è stata condivisa più di 3.500 volte in pochi giorni. Elin Reimegård, veterinario specializzato in malattie di cani e gatti, pensa che potrebbe essere la pelle sottile sotto le gambe ad attirare le zecche, spiega durante un’intervista. Ma le zampe non sono il posto più comune per le zecche. Devi cercare tutto il corpo.

Reimegård condivide il suo miglior consiglio per impedire agli animali domestici di avere zecche sulle orecchie, sulla pelle e sulle gambe. – È meglio usare la profilassi contro le zecche. Ci sono molte varianti oggi. Con loro, il rischio che il cane sviluppi le malattie trasmesse dalle zecche è ridotto, afferma il veterinario.

La profilassi contro le zecche è disponibile in pillole, collari e sciroppi, sia senza prescrizione medica che con prescrizione medica. Reimegård crede che possa essere una buona soluzione perché il cane può portare le zecche a casa e queste trasmettono infezioni che possono colpire le persone. In questo modo, diventa una protezione sia per il cane che per te.

C’è chi usa prodotti alternativi, come l’olio di cocco. Ma a mia conoscenza, non ci sono stati studi di ricerca su questi prodotti che dimostrano che sono efficaci quanto i farmaci che raccomandiamo e distribuiamo. spiega Elin Reimegård alla rivista svedese Leva och Bo. Voi cosa usate?