Una strana creatura mette in subbuglio un piccolo villaggio in Sud Africa

Home > Animali > Una strana creatura mette in subbuglio un piccolo villaggio in Sud Africa

La storia che stiamo per raccontarvi ha dell’incredibile e ci lascia senza parole. Ci sono alcune immagini che hanno scioccato e sconvolto l’opinione pubblica e che vi riproponiamo così come le ha riportate HeraldliveDaily Mail. Tutti si sono meravigliati quando un contadino ha mostrato loro una strana creatura che sembrava aliena…

Molti dei 4000 abitanti di Lady Frere nella Provincia del Capo Orientale, in Sud Africa,hanno pensato che la strana creatura sia un “figlio del demonio”. Altri, invece, hanno ipotizzato che la bestialità o la stregoneria avessero portato alla nascita della creatura. Il panico si era diffuso così tanto che il Dipartimento per lo Sviluppo Rurale del Capo Orientale ha inviato un team di esperti per controllare la situazione dopo che le immagini si sono diffuse a macchia d’olio sui social. Il direttore dei servizi veterinari, il dott. Lubabalo Mrwebi, ha ammesso che a prima vista l’agnello nato morto somigliava a un essere umano ma che non aveva parti umane. Il dott. Mrwebi ha detto: “Possiamo confermare che non è una foto falsa ma che si tratta di un’agnello gravemente deformato partorito da una pecora di Lady Frere questa settimana che a prima vista ha somiglianze umane. Non è tuttavia umano ma è un agnello morto nato malformato, partorito da una pecora che ha contratto il virus della febbre della Rift Valley in una fase precoce della sua gravidanza. Vale la pena notare che una pecora ha 28 paia di cromosomi mentre gli uomini hanno 23 paia, il che è importante per sfatare il mito che l’unione di un ovulo di pecora e uno spermatozoo umano può portare allo sviluppo di una forma di vita vitale. L’agnello malformato mostra segni coerenti con uno sviluppo fetale precoce andato storto a seguito di un’infezione virale e nulla più” ha detto.

Il dott. Mrwebi ha dichiarato che il periodo di gestazione di una pecora è di cinque mesi e ciò significa che la pecora in particolare ha concepita alla fine di dicembre 2016 o all’inizio di gennaio 2017.    

Ha detto che era un periodo di piogge abbondanti, una stagione che porta con sé molte zanzare e moscerini che sono portatori di virus che causano la febbre della Rift Valley nelle pecore.

Il dott. Mrwebi ha concluso “È giusto presumere, quindi, che le pecore siano state infettate dal virus RVF. Il virus ha trovato la sua strada attraverso il sangue materno verso l’utero ed è arrivato nel feto, che si trovava in uno stadio di sviluppo molto critico. Il feto infetto quindi, non è riuscito a formarsi correttamente. Ha sembianze umane ma non è affatto umano”, ha detto.

I funzionari veterinari del dipartimento stanno conducendo uno studio post-mortem e i suoi risultati saranno comunicati al pubblico, visto la gente ha paura… si tratta di zone remote dove gli abitanti credono ancora alla stregoneria.

Un abitante del villaggio ha detto: “Gli anziani quando lo videro dissero che era stato mandato dal diavolo e che nacque dopo un accoppiamento tra un uomo e una pecora e questo ha scatenato il panico. Molte persone hanno paura e non saranno felici finché non sarà bruciato”, ha detto.