Uomini di buon cuore rompono il tubo di drenaggio aperto per salvare un cane terrorizzato

Che bella storia!

A volte i nostri amati animali domestici riescono a mettersi in guai così grandi da non riuscire più a uscirne. A volte è tutta colpa di alcuni rumori improvvisi, come dei fuochi d’artificio, che spaventano i nostri pets che cominciano a correre e a scappare all’impazzata, senza sapere ne dove stanno andando ne quello che stanno facendo.

Sono molte le cause che possono spingere un cane a scappare. La paura, la noia, la distrazione mentre magari stanno inseguendo un gatto o uno scoiattolo. Inseguimento che fa perdere loro la strada di casa. Secondo l’American Humane Association e l’ASPCA, circa 10 milioni di cani e gatti vengono persi o rubati ogni anno negli Stati Uniti. Cifre inimmaginabili! A volte questi animali finiscono in situazioni inimmaginabili e pericolose, come è successo al povero cagnolino protagonista della storia che vi raccontiamo oggi e che, per fortuna, è a lieto fine grazie all’intervento di persone di buon cuore. Un giorno due uomini hanno sentito dei rumori ovattati provenienti da sotto i loro piedi. Si trovavano sopra un tubo di scarico: preoccupati da quei lamenti e da quel pianto, cominciarono a scavare in quel luogo. Prima hanno tolto le foglie, l’erba, il terreno, poi l’argilla. Le urla continuavano e i due uomini sapevano che stavano combattendo contro il tempo. Iniziarono a tagliare il tubo metallico con frammenti di mattoni.


Di fronte a loro all’improvviso apparve un povero cane bianco emaciato che chissà come era riuscito a entrare in quel tubo, ma non riusciva più ad uscirne.

Era disidratato, pelle e ossa, affamato, infestato dalle pulci…

Era intorpidito e molto scosso, ma per fortuna stava bene.

Per sua fortuna quelle persone non si sono voltate dall’altra parte ed erano proprio lì sopra a sentire le sue urla di dolore e il suo grido d’aiuto.

Chissà quanti altri cani, però, sono rimasti intrappolati e inascoltati!