Vercelli: pitbull di famiglia attacca due bambine. Grave la sorellina più piccola

VERCELLI: l'aggressione è avvenuta in modo inaspettato ed improvviso. La bambina di 18 mesi è grave.

Home > Animali > Vercelli: pitbull di famiglia attacca due bambine. Grave la sorellina più piccola

La vicenda è accaduta ieri, nel tardi pomeriggio in provincia di Vercelli, precisamente a Santhià. Il pitbull di famiglia ha aggredito due bambine, Giorgia e Martina, una di 12 anni e una di un anno e mezzo. Secondo quanto riportato dalle più note testate giornalistiche, il cane le avrebbe azzannate all’improvviso e in modo inaspettato, ferendo la dodicenne in modo lieve, ad un braccio e al labbro, mentre la bimba di 18 mesi, in modo piuttosto grave.

La prima è stata trasportata e visitata all’ospedale di Vercelli, dove si trova attualmente ricoverata in codice giallo, la più piccole, viste le gravi condizioni e le ferite riportate sul viso, è stata intubata e trasferita, con l’elicottero all’ospedale infantile Regina Margherita di Torino. Per tutta la notte, i chirurghi plastici e gli esperti di chirurgia maxillo-facciale, hanno operato la bambina, ma la prognosi è ancora riservata.

Per il momento l’unica cosa che si sa sulle sue condizioni, è che è ricoverata in terapia intensiva, intubata e tenuta costantemente sotto controllo. A chiamare i soccorsi, è stato il papà delle bambine, che è stato trovato dai paramedici, in uno stato di choc e soccorso.

E’ ancora da accertare la causa reale dell’incidente, il modo in cui sia avvenuta l’aggressione e la motivazione che abbia scatenato la reazione del pitbull.

L’animale è stato preso sotto custodia dai veterinari e portato al canile del posto.

Molti vicini hanno dichiarato che non era la prima volta che si lamentavano con la famiglia, per il loro cane. Quest’ultimo usciva spesso fuori, infastidendo gli altri cani del vicinato e i loro padroni.

Secondo la famiglia, invece, il cane non aveva mai mostrato un comportamento del genere, prima di ieri.

La verità di come siano andati i fatti, rimane comunque da accertare.

Le forze dell’ordine stanno indagando e presto ci saranno ulteriori aggiornamenti.

(IMMAGINI DI REPERTORIO).