Vicenza: dopo la scomparsa del suo compagno, ha deciso di lasciarsi andare

Hanno tolto la vita al cigno maschio, con una bastonata. La femmina non ce l'ha fatta a sopportare il troppo dolore e si è "lasciata andare". Le parole del Sindaco.

Home > Animali > Vicenza: dopo la scomparsa del suo compagno, ha deciso di lasciarsi andare

La triste vicenda è accaduta qualche giorno fa a Vicenza, precisamente a Recoaro Terme. Nel centro di questo comune italiano, c’è un laghetto, in un parco, dove da diversi anni, una coppia di bellissimi ed eleganti cigni, intratteneva i passanti. Un maschio e una femmina, una coppia maestosa.

Lo scorso venerdì, è successo qualcosa di davvero orribile. Qualcuno, un essere senza cuore, purtroppo non identificato, ha ucciso il cigno maschio. L’animale è stato ritrovato con il collo spezzato, si suppone per via di una bastonata.

La femmina di cigno ha assistito alla scena e si è ritrovata in quel laghetto, con il suo amato compagno senza vita. Nei due giorni successivi, si è sentita sola e con un dolore troppo forte da sopportare. Alla fine, ha deciso di non riuscire a vivere senza il suo compagno e si è lasciata morire, per raggiungerlo e riunirsi con lui.

Il sindaco del posto, Davide Branco, ha dichiarato, durante un’intervista: “si è lasciata andare. Non mangiava più, stava male. Invieremo il corpo all’Istituto Zooprofilattico delle Venezie, come era stato per il maschio. In questo caso però non ci sono dubbi, l’animale si è lasciato andare. È caratteristico di questa specie, succede spesso che i compagni o le compagne non sopravvivano a lungo quando muore uno dei due”.

Il sindaco ha recuperato personalmente il corpo dell’animale ed ha assicurato a tutti i residenti che presto verranno installate le telecamere in quella zona, perché un episodio del genere non deve capitare mai più e il colpevole deve essere punito!

Purtroppo nessuno sa chi sia stato a tirare quella bastonata al primo cigno e probabilmente non si saprà mai.

Ci domandiamo una sola cosa, come faccia questa persona, a continuare a vivere senza sensi di colpa, con la coscienza sporca e la consapevolezza di aver tolto la vita ad un essere vivente. Una vita che per la sua compagna era fondamentale, tanto che il suo gesto, ha stroncato anche la sua.