Vito, il primo gatto bionico italiano

Avete già visto le sue foto? Lui è Vito ed è diventato famoso in Italia per la sua storia. Eccola qui.

Negli ultimi giorni, le sue foto stanno impazzendo i social network. Lui è Vito ed è il primo gatto bionico del nostro paese. L’animale si è ritrovato con entrambe le zampe posteriori amputate, ma oggi è il primo felino al quale sono state impiantate due protesi artificiali.

La sue umane sono Silvia Gottardi e sua moglie Linda Ronzoni. La storia di Vito ha avuto inizio a San Vito Lo Capo, dove l’animale era un semplice gatto domestico e viveva a casa con Silvia.

Dopo qualche anno, le due compagne si sono trasferite a Milano, in un quartiere così tranquillo, che Vito con il tempo ha preso l’abitudine di uscire da solo, per poi tornare a casa. Dopo circa due anni dal trasferimento, Silvia e Linda hanno deciso di sposarsi e di partire per un viaggio di nozze, lasciando Vito ad una loro amica.

Sentendosi solo e abbandonato, in quei giorni, il gatto è scomparso nel nulla. Le due donne hanno iniziato a cercarlo ovunque e lo hanno ritrovato dopo più di un giorno, in fin di vita. Aveva entrambe le zampe posteriori schiacciate.

Il veterinario incerto su cosa fare, sapeva che Vito avrebbe perso entrambe le zampe e i gatti in quelle condizioni, veivano solitamente sottoposti ad eutanasia.

Silvia e Linda non potevano rassegnarsi, non avrebbero mai permesso la morte di Vito. Così hanno pregato il veterinario, il dottor Massimo Petazzoni, di fare tutto il possibile. Alla fine, il medico ha proposto loro un intervento ancora in fase di sperimentazione, che non era mai stato eseguito in Italia: due zampe artificiali.

Da quel momento per le due umane e per il loro gatto è iniziato un vero e doloroso calvario. La parte più difficile è stata la convalescenza dell’animale. Vito non riusciva ad andare in bagno, aveva bisogno di aiuto e doveva essere stimolato. Ogni giorno veniva sottoposto a flebo, antibiotici e ricostituenti. È stato anche operato per via di una frattura della rotula.

Dopo lungo periodo, l’intervento sembrava non aver funzionato, perché Vito non si alzava. Era diventato un gatto immobile, che non camminava, ma Silvia e Linda andava bene lo stesso. Poi un giorno è avvenuto il miracolo, le due donne lo hanno trovato in piedi e da quel momento Vito fa ogni normalissima cosa da gatto.

È diventato il primo felino in Italia ad avere due protesi artificiali.

Brasile, Jair Bolsonaro firma per pene più severe per chi maltratta gli animali

Danni in casa di Benedetta Rossi: il colpevole è Cloud

Teemo, il cane con gli occhi tristi, non vuole che il suo papà vada a lavoro

L'abbandono di Juneau, il cane che stava per morire

Zelda percorre 60 km per tornare dalla sua amata amica umana

Due cani hanno trascorso settimane nel luogo in cui sono stati abbandonati

La storia di Yukon, viveva da randagio ed stava per perdere la vita