Trovate tracce di farmaci nel latte delle marche più conosciute. Il parere degli esperti.

Analizzati i marchi più famosi: più della metà del latte in commercio è contaminato da farmaci. Ecco cosa hanno scoperto i ricercatori, il parere dei medici e i rischi

Home > Attualità > Trovate tracce di farmaci nel latte delle marche più conosciute. Il parere degli esperti.

È l’argomento più discusso nelle ultime ore. La notizia è stata riportata sulla rivista “Il Salvagente”, dopo un test svolto dagli esperti sul latte che ogni giorno viene consumato. Sono state sottoposte all’esame 21 confezioni di diversi tipi di latte, di diverse marche, compresi quelli più acquistati nei supermercati italiani. Il video della notizia:

Nella maggior parte dei test, sono stati ritrovati nel latte, percentuali di farmaci, come il cortisonico, l’antinfiammatorio e l’antibiotico. Quest’ultimi vengono somministrati alle mucche per curare le infezioni e le mastiti.

Sono stati individuati in minime quantità, ma comunque presenti. Gli esperti hanno diffuso la notizia ed hanno sottolineato il fatto che non bisogna allarmarsi, perché le sostanze sono presenti in minime quantità e sono in regola con i limiti consentiti dalla legge.

Il direttore della rivista “Il Salvagente”, ha spiegato che l’articolo pubblicato non ha l’intento di screditare aziende di latte come Parmalat Granarolo, Conad, Lidl, Coop e tutte le altre esaminate.

Tra tutti i tipi di latte, l’unico che presenta tutte e tre i farmaci contemporaneamente, è il latte fresco venduto nei supermercati Lidl. Gli altri hanno presentato un solo farmaco.

Sulla vicenda è stato richiesto il parere di un pediatra e gastroenterologo di nome Ruggiero Francavilla. Il medico ha spiegato che l’assunzione costante di queste piccole dosi di antibiotico, potrebbe determinare una pressione sulla normale flora batterica dei bambini e creare quindi un vantaggio per i batteri che vanno a resistere agli antibiotici.

Come lui, anche un altro medico, Ivan Gentile, del reparto malattie infettive del Federico II, ha spiegato che anche se i livelli sono bassi, i rischi ci sono. L’assunzione di minime quantità di farmaci, in maniera ripetuta, può portare a ripercussioni sulla microbiota intestinale.

È cosa nota che anche le mucche si ammalano e che vanno curate. Le mammelle si infettano e sono soggette a mastiti e la somministrazione dei farmaci che viene fatta agli animali, passa nel latte, così come avviene alle mamme durante l’allattamento, che come tutti sanno, evitano di prendere medicine proprio per questo motivo.

Bigodino.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI