Tutti devono sapere

Megan 14 anni, chiede scusa a tutti coloro che la amano e si toglie la vita. Chi le aveva fatto del male, le aveva devastato corpo, mente e anima. Ma a darle la botta finale è stata la legge...tutti devono sapere

Questo è uno di quei casi che scuote il cuore e ci mostra il lato più crudele della violenza di genere che minaccia la vita di molte donne in tutto il mondo, nel modo più crudele. Oggi commemoriamo la storia di Megan, un’adolescente che ha affrontato un vero incubo. La quattordicenne Megan Hoyle ha inviato un messaggio al suo amico in cui si scusava per la decisione che aveva preso: SUICIDARSI.

La ragazza ha scritto al suo amico: “Se stai leggendo questo messaggio, allora è troppo tardi e mi dispiace, mi dispiace di aver infranto la mia promessa e mi dispiace di non essere abbastanza forte. Mi dispiace di averti deluso quando eri spaventato, ma ero spezzata. Non chiamare nessuno, non chiamare un’ambulanza, lasciami prendere le pillole e andarmene in pace.” La giovane donna si tolse la vita nella sua casa a Blackburn, una città inglese nella contea del Lancashire; Megan aveva già detto al suo amico che il suo corpo, la sua mente e la sua anima erano stati distrutti dopo lo stupro di cui era stata vittima quando aveva 12 anni. Megan non è riuscita a superare l’accaduto, il  colpevole era un ragazzo di 17 anni quando lei ne aveva solo 12, una situazione che l’aveva seriamente compromessa. Dopo quella spiacevole e traumatica esperienza, nulla era più lo stesso per lei, la sua autostima e la sua personalità erano devastate. Ma tutto peggiorò a causa di un semplice appello, dove ridussero la condanna del suo aggressore, quindi la giovane donna era spaventata e delusa, pensava che lo stupratore se ne fosse “uscito con la sua ” come tanti uomini che, di fatto, commettono atti come questo e rimangono in totale impunità davanti alla legge.

Megan pensava di non poter affrontare quest’altra sconfitta. Nel suo ultimo messaggio, si scusa con i suoi amici e parenti, specialmente con i suoi tre fratelli. In una delle scuse ha detto: “Mi dispiace per chiunque trovi il mio corpo, mi dispiace per le persone che ho intenzione di lasciare e chiedo perdono alle persone che soffriranno per questa mia decisione”

Ha anche aggiunto un commento per l’aggressore:

Ditegli che lui [l’aggressore] è la ragione per cui me ne sono andata. Mi dispiace per mia madre, distrutta come me. Dì ai miei amici che mi dispiace, e ai miei fratelli che saranno sempre fantastici anche se litigano “.

Il messaggio all’amico prende una piega inaspettata quando Megan confessa il suo amore.

“Mi sono innamorata di te, Christopher Cozens, il 9 dicembre quando mi hai baciato per la prima volta davanti a casa mia. Mi hai insegnato ad amare qualcuno che non ero io, per sempre. Ti amavo più della vita stessa. Avevi i tuoi demoni e io i miei, ma almeno una volta, dopo l’accaduto, ho provato la felicità ”

Megan era considerata una ragazza vivace, bella e divertente, era molto cara a tutti. La persona che l’ha trovata sul pavimento dopo aver preso le pillole era sua madre. Megan è stata trasferita dal Blackburn General Hospital all’ospedale pediatrico di Sheffield, dove è rimasta nell’unità di terapia intensiva fino a quando la sua famiglia ha preso la decisione di staccare la spina della sua macchina di supporto vitale.

Hanno anche dato il permesso di donare reni, polmoni e fegato di Megan, che fortunatamente hanno salvato la vita a quattro persone. Il medico legale di Megan ha detto che la sua morte l’ha colpita profondamente, aggiungendo che era una “ragazza molto intelligente”. La madre di Megan, Wendy Charnley, ha detto al pubblico di Blackburn:

“Prima dell’attacco, Megan era felice, piena di vita e vibrante. Ma dopo ciò, si è chiusa in se stessa ed era arrabbiata. Inoltre, dal momento del processo non andava più bene a scuola “. La madre la vide minuti prima che si prendesse le pillole, “Sono andata a vederla nella sua stanza. Ha detto che aveva mal di testa e che era malata, così le ho detto di andare a letto a dormire perché si sarebbe sentita meglio dopo essersi riposata un po ‘” .

Stava già ricevendo un aiuto professionale, ma dopo la condanna ridotta, si sentì delusa. Aveva detto tutto alla polizia, eppure il suo aggressore sembrava averla fatta franca. Christopher Cozens, l’amico di Megan, ha chiamato il padre della ragazza non appena ha letto i messaggi e il padre di Megan ha chiamato sua moglie dicendole che aveva ricevuto un messaggio e che pensava che sarebbe potuto succedere qualcosa a Megan.

“Megan mi ha detto che non stava andando bene a scuola e che era preoccupata perché stava per sospendere gli esami. Anche se non ha spiegato cosa avrebbe fatto, ha detto cose come ‘fare qualcosa in modo che tutti i problemi scompaiano'” È spiacevole dover condividere queste tristi notizie; e ancor peggio sapere che sono una realtà che non solo ha vissuto questa ragazza, ma migliaia di ragazze nel mondo. Le corti e le persone in generale dovrebbero capire che la violenza di genere è qualcosa che distrugge la persona dentro e che è qualcosa con cui, la vittima, dovrà vivere il resto della sua vita

Ecco perché molte di queste ragazze pensano davvero che “è meglio morire, piuttosto che soffrire tutto il dolore” e quando si trovano in una situazione così difficile (di fronte a un tribunale, o nel silenzio della loro stanza) decidono di togliersi la vita e mettere fine a tutte le sofferenze. Come genitori, fratelli, amici e come società, cerchiamo di rendere più persone consapevoli di questo e di crescere i propri figli in modo positivo, con buoni valori, insegnando a rispettare ciò che non è loro.

Megan ha già salvato quattro persone, facciamo girare la sua storia in modo che raggiunga più persone, bisogna essere consapevoli di quanto sia difficile superare tutto ciò.

Lombardia, necessaria autocertificazione per chi circola dalle 23 alle 5

Incidente a San Salvo Marina, Sara Amma Favia morta a 17 anni

Lutto per la star del cinema Robert Redford: James, suo figlio, è morto

Il killer di Lecce, Antonio De Marco vuole raccontare tutta la verità

Coronavirus: ricoverato 15enne di Avellino in gravi condizioni

Nuovo dpcm, accesso ai parchi: bambini fino ai 14 anni solo con un adulto

Dichiarato morto, neonato inizia a piangere prima della sepoltura