Attenzione alle salviette struccanti: pratiche ma dannose

Pratiche da usare ma dannose: ecco perché bisognerebbe eliminare l’uso delle salviette struccanti.

Chiunque si trucchi quotidianamente sa che, alla fine di una lunga giornata, quando siamo praticamente con un piede già nel letto e stanchi morti, l’idea di andarsi a struccare ci fa venire immediatamente il male di vivere. Sembra assurdo, ma trovare la forza di volontà per trascinarsi in bagno, usare dischetti e detergente, lavarsi la faccia e mettersi la crema – il minimo indispensabile dopo aver indossato per ore del fondotinta che ha incamerato batteri e smog -, è davvero difficile.

Ecco che sentiamo quindi il richiamo irresistibile e facile delle salviette struccanti: come Ulisse con le sirene, è difficile non cedere alla tentazione di usarle, magari senza nemmeno sciacquarsi il viso dopo. Sbagliatissimo: sul sito stylecaster.com, è uscito infatti un articolo in cui la dermatologa Mona Gohara, che esercita a Danbury, in Connecticut, spiega come usare le salviette struccanti equivalga sostanzialmente a “lavarsi con acqua sporca”.

#1. Irritano il viso

Le salviette struccanti sono già pre-imbevute di liquido, ma non è che grondino struccante: la necessità di strofinare, anche energicamente, per rimuovere il trucco, irrita la pelle. Visto che poi promettono di rimuovere il trucco con poche passate, in genere, a meno che non si scelgano appositamente salviette con un buon INCI, le salviette contengono alcool e tensioattivi, che, uniti all’azione meccanica dello strofinare, provocano irritazione.

#2. Favoriscono l’insorgenza di acne e l’invecchiamento della pelle

Se non si usa altro dopo il passaggio delle salviette, o, peggio ancora, non ci si sciacqua, passare il panno inumidito equivale a ostruire i pori, che può portare quindi a insorgenza di punti neri e acne. Se non si pulisce a fondo la pelle inoltre si ostacola il lavoro della crema idratante applicata successivamente, che farà più difficoltà a penetrare nella pelle e mettere in atto quindi il proprio lavoro di prevenzione contro l’insorgere delle rughe.

#3. Non rimuovono i batteri

Su molte confezioni di salviette struccanti c’è scritto che si possono utilizzare senza risciacquo: se non ci si lava il viso dopo averle passate, praticamente è come strofinare all’interno dei pori residui di trucco e batteri, che inevitabilmente finiranno anche sulla federa del cuscino su cui appoggeremo il viso mentre dormiamo, creando un circolo vizioso di proliferazione batterica dannoso per la pelle.

Quindi, quando è strettamente necessario, come in viaggio ad esempio, ok alle salviette struccanti (sarebbe sempre comunque meglio sciacquarsi il viso dopo ogni utilizzo), ma è sempre preferibile usare il classico dischetto struccante con successivo risciacquo (se proprio ci sentiamo ispirati anche il tonico non sarebbe male) per poi applicare la crema idratante.

Meghan Markle, lo smalto indossato nel giorno delle nozze diventa iconico

Meghan Markle, extension o capelli naturali? Ecco cosa dicono gli esperti

Come ripulire i polmoni, se fumi, con metodi naturali

Kate Middleton, il segreto delle sopracciglia sempre curate

Perché non bisogna svegliare un sonnambulo?

Come eliminare i peli dalle dita delle mani

7 cose che devi sapere prima di farti tatuare su una cicatrice