Borse ed occhiaie: tutti i motivi per cui si formano

 

Borse ed occhiaie sono molto antipatiche quando si creano sotto ai nostri occhi. Compromettono la bellezza dello sguardo e danno un aspetto stanco o malato. Talvolta le occhiaie possono comparire per mancanza di sonno o per stress – scomparendo nel giro di poco tempo – oppure diventare croniche . Purtroppo, la pelle sotto gli occhi è una delle più sottili del corpo, per cui si notano più facilmente gonfiori e segni di stanchezza. Ecco tutti i motivi per cui si formano borse ed occhiaie.

Perchè si formano

1. Genetica: possono  formarsi per via eriditaria dai genitori.

2. Trucco: anche le reazioni allergiche al trucco provocano irritazione e infiammazione sotto gli occhi.

6. Eczema: in qusto caso lo sfregamento sull’occhio per via del prurito può  portare a gonfiore, infiammazione e rotture di vasi sanguigni nella zona pericoculare.

limone-occhiaie
Occhiaie

7. Allergie: queste  innescano il rilascio di sostanze chimiche infiammatorie come l’istamina che causano la dilatazione dei vasi sanguigni.

8. Sole: i danni dei raggi solari possono comparire sotto forma di aumento del flusso sanguigno. Ecco perchè è sempre importante usare filtri solari.

9. Struttura ossea: se la forma del nosto viso  ha una depressione profonda sotto gli occhi, questa la zona apparirà più scura perché ombreggiata.

2015/03/05/occhiaie
Perchè si formano borse ed occhiaie

3. Ritenzione idrica: i vasi sanguigni nella zona perioculare possono dilatarsi, portando come conseguenza una maggiore evidenza delle occhiaie.

4. Disidratazione: le occhiaie possono comparire anche in caso di disidratazione, quando ad sempio non assumiamo abbastanza acqua durante il giorno.

5. Anemia: se compaiono le occhiaie insieme a pallore e stanchezza, potrebbero essere dovute alla scarsità di globuli rossi o emoglobina nell’organismo e/o a carenza di ferro.

Borse
Borse e gonfiore

10. Vene: in questo caso le occhiaie hanno la tipica colorazione blu-grigia e potrebbe essere semplicemente dovuta alla presenza di vasi sanguigni.

Fonte: marieclaire.it

di Marianna Feo