C’è un piccolo foro nella nostra palpebra inferiore: a cosa serve?

Ci avete mai fatto caso?

Home > Bellezza > C’è un piccolo foro nella nostra palpebra inferiore: a cosa serve?

Ci avete mai fatto caso al piccolo foro presente nel fondo della palpebra? Stiamo parlando di quel piccolo punticino presente in ogni occhi, quindi non iniziate a spaventarvi. In alcune persone il piccolo foro è quasi invisibile, mentre in altre persone è decisamente più evidente, perché è più grande: mettetevi davanti allo specchio e osservate, lo vedete?

Si tratta di un piccolo foro a forma di mandorla, a circa due millimetri di distanza dall’angolo interno di ciascuna palpebra inferiore: è il punto lacrimale. Il buco, in realtà, non produce lacrime, ma fa parte del sistema di drenaggio degli occhi. Le lacrime, infatti, sono prodotte dal condotto lacrimare, mentre questo buco ha il compito di drenarle: è come se fosse l’apertura di un canale in grado di collegare l’occhio al sacco lacrimale. E’ a causa di questo piccolo buchino, ad esempio, che ci viene una sorta di raffreddore ogni volta che piangiamo, anche se versiamo pochissime lacrime, poco importa. Le lacrime scorrono così, attraverso questo vero e proprio canale naturale del nostro corpo, verso il naso e da qui si intuisce il perché dopo aver pianto ci viene sempre voglia di soffiare un naso che comincia a colare alle prime lacrime. Da questo buco, però, possono anche uscire aria, lacrime e persino sangue, se c’è qualcosa che non va. C’è un ragazzo turco che da questo buchino riesce a far uscire il latte e a spararlo a 280 centimetri di distanza…

Perché una persona sana di mente dovrebbe farlo, questo rimane un vero e proprio mistero!

Ilker Yilmaz ha anche dimostrato di che cosa è capace andando come concorrente alla trasmissione italiana “Tu si que vales”

Anche i giudici e in particolare Maria De Filippi hanno avuto difficoltà a guardare l’uomo mentre prendeva il latte da un bicchiere con una cannuccia passando attraverso il naso e versandolo poi dagli occhi…

Davvero strano, non pensate?