Come è cambiato il make-up nel corso degli anni

Sessant'anni di bellezza femminile

 

Essere donne vuol dire essere vanitose. Per quanto emancipate, decise e autorevoli, la tentazione dello specchio non ci lascia indifferenti.
Ma non si tratta solo di semplice vanità, nel senso di rimirarci allo specchio in contemplazione del nostro aspetto estetico. La vanità femminile è qualcosa di molto più complesso: comprende un insieme di rituali e soprattutto di prodotti, senza i quali non riusciremmo a sopravvivere!
Tra le quantità di cosmetici che affollano i nostri armadietti, il trucco inizia a essere nostro compagno di avventure già nell’adolescenza. Chi non si ricorda il primo rossetto, o la prima volta che abbiamo provato a mettere la matita sugli occhi, o ancora la scelta del fard (perché così si chiamava fino a qualche anno fa) puntualmente di un colore sbagliato?

blue-eyes
Matita e mascara nero per esaltare lo sguardo.

Abbiamo commesso certamente degli errori, ma ci siamo divertite e scoperte forse un po’ artiste, quando abbiamo visto per la prima volta il nostro viso trasformato dal make-up. Perché è questo il merito di un bel trucco, valorizzare elementi della nostra bellezza.

Ma vi siete mai fermate a pensare a quanto ci siamo evolute anche da questo punto di vista? O meglio, avete mai pensato cosa usassero le nostre nonne alla nostra età quando volevano rendersi più belle per un’occasione speciale?

Guardando il catalogo vintage di Getty Images, potrete scoprire un mondo di donne ritratte in bianco e nero che usano prodotti (più o meno naturali) per valorizzare elementi del loro viso. I canoni di bellezza sono molto diversi da quelli a cui siamo abituati ai giorni nostri, ma tutte le foto sono accomunate dall’elemento trucco, utilizzato in base all’epoca in modo e in quantità totalmente diversi.

brush
Serie completa di pennelli per il trucco.

Tendenze linguistiche

Oltre ai prodotti, sono cambiati anche le definizioni. Alcune parole sono state eliminate per far posto a termini più popolari e pratici. La tendenza oggi è quella di lasciar spazio alle definizioni in inglese, senza curarci del fatto che questa parola esista o meno in italiano.

Viso

Il belletto è il primo esempio di termine estinto. Si trattava di un cosmetico in polvere, pasta o crema usato come base per il trucco. Potrebbe essere l’equivalente dell’odierna cipria. Quindi d’ora in poi, quando usiamo l’espressione ‘imbellettarsi’, sappiamo da cosa deriva!

Le donne di tutte le epoche non si sono fatte mai mancare niente quando parliamo di make-up. Avevano persino lo struccante. Bastava fare dei semplici impacchi di latte, per rimuovere il trucco senza irritare la pelle. Sicuramente molto naturale e biologico!

makeup
Trucco molto chiaro usato anche in passato dalle dive.

Occhi

Per esaltare la bellezza e la profondità dello sguardo, c’erano due prodotti di cui non si poteva fare a meno, il mascara e la matita a carboncino. Dato che il mascara era contenuto in una paletta e veniva applicato con un pennellino piatto, si posizionava una piccola mascherina sugli occhi, da cui spuntavano le ciglia. Una sorta di stencil per evitare sbavature sulle palpebre.

Per allungare la forma dell’occhio si usavano, invece, delle matite di carboncino che in pratica davano lo stesso risultato degli odierni eyeliner.

eyelashes
Ciglia finte per intensificare lo sguardo.

Labbra

Le donne di un tempo applicavano sulla bocca dei pigmenti a pennello, più tardi e con molti stravolgimenti sono diventati lipstick o comunemente rossetti, di cui oggi abbiamo una gamma infinita per le texture e gli effetti, opachi o glossy.

Per tornare al discorso della perfezione e della cura delle forme, anche per le labbra veniva applicato uno stencil che permetteva di stendere il rossetto con il pennello nel modo più uniforme e preciso possibile. Del resto le matite per le labbra ancora non le avevano inventate…

makeup-1
Applicazione eyeliner con pennello.

La nascita della cosmesi

Nei primi film, si narra che il trucco fosse semplicemente nero, perché altrimenti non si fissava sulla pellicola. Immaginate queste povere attrici truccate come per Halloween!

Grazie proprio alle esigenze cinematografiche si sono messi al lavoro degli specialisti del make up delle dive, per dare un’espressività e una valorizzazione al loro volto, che altrimenti con il nero o il grigio si sarebbe persa del tutto. Make-up artist come Max Factor e Elizabeth Arden hanno iniziato la propria carriera così, facendone poi un impero della cosmetica durante il corso del secolo… Ma questa è un’altra storia!