Come perdere peso mangiando tutto con la crononutrizione

Vi spieghiamo come funziona questo particolare regime alimentare!

 

Che sogno poter mangiare tutto, ma proprio tutto e perdere peso e mantenersi in forma. Sappiate che è possibile, basta seguire un particolare regime alimentare che si chiama “crononutrizione o cronodieta“. Non è una vera e propria dieta, ma una scienza alimentare nata nel 1986 con gli studi del Dottor Delabos: è un controllo alimentare che tiene in considerazione quello che si mangia, ma soprattutto quando lo si mangia, perché il metabolismo non funziona allo stesso modo durante le diverse ore della giornata.

mangiare-sano-tentazioni
Come funziona la crononutrizione

Per poter far funzionare il nostro corpo e anche per poter rimanere in forma dobbiamo dar retta ai ritmi del nostro organismo. Dobbiamo, cioè, seguire un’alimentazione particolare abbinando le necessità alimentari e nutrizionali ai ritmi del corpo, da mezzanotte a mezzanotte. Ma qual è lo schema alimentare da seguire?

Al mattino, tra le 7 e le 8, il metabolismo lavora molto, tutto quello che mangiamo viene digerito e metabolizzato, per questo non dovremmo saltare la colazione che va consumata entro le 8 del mattino. L’ideale è biscotti con caffè e latte: carboidrati, zuccheri e grassi ci danno energia velocemente!

A pranzo, tra le 12 e le 13, gli ormoni tiroidei accelerano il metabolismo impedendo ai grassi di accumularsi. Il nostro corpo ha bisogno di carboidrati (pasta, riso, pane, patate) da bbinare a verdure e legumi, per far funzionare bene la tiroide.

A cena, dalle 19 alle 20, sempre entro le 22, il momento in cui viene favorito l’aumento della massa magra. Bisogna mangiare proteine (carne, pesce, legumi) limitando i carboidrati.

Prima di dormire è bene prendere delle tisane, ma non la frutta a eccezione della banana.

Il bello di questo regime è che non ci sono alimenti vietati: dobbiamo limitare latte e derivati, ma anche vegetali come pomodori, melanzane e piselli ricchi di istamina, ma anche i cibi con conservanti. Siete contente?