Dentifricio fatto in casa: perché non conviene

Il dentifricio fatto in casa si propone come un ottimo rimedio casalingo, ma in realtà è sconsigliato dagli esperti.

Home > Bellezza > Dentifricio fatto in casa: perché non conviene

Esistono dei consigli per preparare il dentifricio fatto in casa? La risposta è assolutamente sì. Molti rimedi naturali sono assolutamente consigliati, almeno in alcuni casi. Tuttavia, pare che preparare il dentifricio in casa comporti dei rischi elevati e che sul lungo termine possa causare diversi problemi alle gengive e alla salute dei denti.

Negli ultimi tempi abbiamo riscoperto un amore per la filosofia green ed ecosostenibile. Cosa significa? Che prendiamo spunto dalla natura e cerchiamo di ridurre il danno all’ambiente, sfruttando le numerose erbe che abbiamo a disposizione.

Per esempio, al posto dello sgrassatore in cucina, possiamo utilizzare una miscela di acqua e di limone per igienizzare. Lo stesso discorso si può applicare a un altro grande protagonista dei rimedi casalinghi, come il bicarbonato, utile per catturare gli odori e per le sue proprietà disinfettanti.

Qual è il problema, dunque? Il dentifricio casalingo è preparato di solito con glicerina, bicarbonato, olio essenziale lenitivo e disinfettante e argilla bianca (che si può sostituire con il caolino). Ci sembrano degli ingredienti fantastici, ma secondo vari ricercatori peggiorerebbero la salute dei nostri denti. Dobbiamo prestare molta attenzione a un aspetto in particolare, ovvero la granulometria.

dentifricio-casalingo

I granuli che sono contenuti nel dentifricio fai da te sono molto grossolani e, invece di pulire i denti e rimuovere i residui di placca, ne peggiorano lo smalto. Ovviamente, essendo preparato in casa, non abbiamo la strumentazione adatta per ridurre i granuli in polvere fine.

L’altro nemico dei denti, seppure sia utilizzato più spesso di quanto si dovrebbe, è il bicarbonato. Sebbene nei primi tempi possiamo osservare come i denti risultino più bianchi e brillanti, nei mesi successivi lo smalto comincerà a risentire del bicarbonato e cambierà il suo colore in un grigio spento.

A questo punto, è molto meglio farsi suggerire dal dentista quale spazzolino e dentifricio utilizzare, senza dimenticare l’importanza del filo interdentale e di una pulizia dei denti, che è consigliata ogni sei mesi. Oppure, potreste leggere il nostro manuale del sorriso perfetto!