Ecco perché dovremmo usare più olio extravergine di oliva

Un recente studio ha svelato grandi proprietà.

 

L’olio extravergine di oliva ci viene spesso consigliato per condire e cucinare i nostri alimenti, perché fa bene alla salute. Quest’olio è davvero ricco di benefici, grazie ad esempio ai polifenoli contenuti, che svolgono importanti azioni antinfiammatorie e antitumorali. A confermare quanto fa bene introdurre questo olio nella nostra salute arriva uno studio di nutrigenomica condotto da un gruppo di ricercatori dell’Università di Bari, guidato dal prof. Antonio Moschetta, docente di Medicina Interna della facoltà medica barese.

OLIO-EXTRAVERGINE-DOLIVA
Olio extravergine di oliva

Protagoniste dello studio le varietà pugliesi, dalla Coratina alla Peranzana: i ricercatori si sono concentrati su come i nutrienti di questi oli influenzano il nostro organismo.

La scoperta sorprendente è che ogni cultivar di olio extravergine d’oliva è cosi specifica da percorrere strade individuali ‘accendendo’ geni precisi nel nostro organismo. In altre parole, ogni tipo di olio va considerato come un alimento diverso“.

Affermano i ricercatori, che poi aggiungono:

Lo studio ha confermato in pieno che l’olio extravergine d’oliva ricco in polifenoli giova alla salute non solo da un punto di vista metabolico, ma anche sullo stato ossidativo, sull’infiammazione e sulla prevenzione dell’aterosclerosi e del cancro“.

Gli effetti benefici appaiono più evidenti nei volontari sani.