Ecco perché le creme solari vanno usate anche a vacanza finita

Mai abbandonarle

Home > Bellezza > Ecco perché le creme solari vanno usate anche a vacanza finita

In estate ne facciamo un gran uso, ma non appena ci siamo un po’ abbronzate decidiamo che è ora di dire basta. Eppure le creme solari non andrebbero utilizzate solo a inizio vacanza, quando vogliamo proteggere la nostra pelle bianca dai raggi nocivi del sole, ma per tutta l’estate, perché anche se la pelle è abbronzata ha bisogno della massima protezione possibile. Non dimentichiamoci, dunque, di portarla sempre con noi, anche nei prossimi weekend nei quali vorremo godere ancora un po’ del calore del sole, al mare o in montagna!

Proteggere la pelle dal sole è importante per diversi motivi: innanzitutto per evitare eritemi e insolazioni, che possono essere davvero molto fastidiosi e anche pericolosi, ma anche per prevenire macchie, rughe e anche tumori della pelle. Oggi esistono dei filtri solari molto potenti, che non dobbiamo mai dimenticare di applicare sulla pelle.

Per fortuna i prodotti di prevenzione dai danni del sole sono in costante aumento, a dimostrazione che tutte le campagne di sensibilizzazione hanno funzionato: quando eravamo piccoli noi se ne parlava poco e le creme solari erano davvero una merce rara, mentre oggi rappresentato la buona abitudine da imparare fin da piccoli.

Le creme solari, però, non vanno solo acquistate per tenere buona la nostra coscienza, ma vanno anche usate. E usate bene. Vanno applicate prima di esporsi al sole e ogni volta che ne abbiamo bisogno, ad esempio dopo aver sudato e dopo aver fatto un bagno al mare. E non vanno usate solo a inizio stagione, quando la pelle è bianca: anche quando siamo già abbronzate dobbiamo usarle.

Eh sì, perché a fine estate ci dimentichiamo di quanto male possa fare il sole alla nostra pelle, ora decisamente più scura. Ma non dovremmo mai farlo: la crema solare va applicata, sempre, senza se e senza ma!

Anche in inverno dovremmo usare creme che contengono dei filtri solari: lo facciamo davvero?