Il balsamo labbra EOS fa male davvero?

Dalle polemiche su Facebook alle recensioni di Amazon

 

Contro EOS –  il balsamo per le labbra amato da molte, tra cui le celebrities come Kim Kardashian e Miley Cyrus – si  è scatenata una vera e propria azione collettiva, portata avanti da Rachael Cronin, una donna americana che sostiene che il prodotto le avrebbe causato delle gravi reazioni cutanee.

La ragazza,  dopo l’applicazione del balsamo EOS, avrebbe iniziato a vedere  sanguinamento, vesciche e desquamazione sulle labbra, per dieci giorni.  Dopo le foto  che Rachael ha postato  su Facebook, è partita una frenesia di risposte da altre persone che hanno condiviso la stessa esperienza con il balsamo per le lebbra EOS. Qualcuno ha detto di aver visto addirittura formarsi della muffa nel balsamo.

Eos burro di cacao
Eos burro di cacao

La risposta dell’azienda

Un numero consistente di consumatori che ha acquistato e utilizzato il prodotto, avrebbe subito  reazioni avverse con  lievi  o gravi eruzioni cutanee, secchezza, sanguinamento, vesciche, screpolature e la perdita di pigmentazione – da pochi giorni, fino  a un paio di mesi.

La società produttrice del balsamo per le labbra EOS sarebbe  consapevole di questi problemi, dopo i reclami  da parte dei consumatori, tra cui Rachael, per i problemi di salute subiti. Stando a quanto riferito dalla società produttrice, i loro prodotti sarebbero realizzati con ingredienti di altissima qualità, soddisfacendo  tutti gli standard di sicurezza.

Rachael Cronin. La reazione a EOS. Fonte: cosmopolitan.com
Rachael Cronin. La reazione a EOS. Fonte: cosmopolitan.com

Amazon

Intanto su Amazon, da dove si può acquistare il prodotto, le recensioni  non menzionano eruzioni cutanee  possibili bruciori, secchezza e desquamazione dopo l’utilizzo. Il balsamo ha anzi  mantenuto tra le 4.5 alle  5 stelle di giudizio.

Noi questo balsamo per le labbra EOS non l’abbiamo provato e non sappiamo se sia veramente così “pericoloso” per la nostra salute. Nel dubbio, forse è meglio non rischiare!

 

 

Fonte: glamour.com