La dieta che fa dimagrire in base al lavoro che svolgi

Sei una dipendente o una libera professionista? Ecco qual è il cibo che fa per te

 

Non riesci a perdere peso e non sai perchè? Ti sembra di mangiare poco ma non dimagrisci? Forse stai sbagliano il tuo modo di mangiare in base al lavoro che svolgi. Infatti, a seconda che tu sia un’impiegata, una libera professionista o una freelance, dovresti mangiare nel modo più appropriato all’attività che svolgi. Trova la dieta che fa per te.

La dieta da seguire in base al lavoro svolto

Viaggiare vegano
Dieta e lavoro

Impiegata

Se sei un’impiegata, trascorri molto tempo ferma e seduta.  Il rischio è quello di una digestione laboriosa a causa della posizione e dello scarso movimento. L’ideale sarebbe un pranzo non abbondante composto da cereali integrali, proteine magre e verdura a foglie piccole, condite con olio extra vergine d’oliva. Nel corso della giornata puoi bere tisane drenanti e disintossicanti a base di finocchio.

Lavoro su turni

Se sei un medico, un’infermiera, o una commessa, la cosa migliore è fare piccoli spuntini ogni 3-4 ore per mantenere stabili le risorse energetiche e ridurre i cali di forza e lo stress. In questo modo la digestione non è sovraccaricata. A fine turno, quindi al mattino, è bene consumare un’abbondante colazione, meglio salata e ricca di frutta, verdura, cereali integrali e proteine, e cercare di riposare almeno due ore per far abbassare la produzione degli ormoni dello stress, prima di riprendere le normali attività.

Lavoro da casa

Il rischio del lavoro da casa è quello di alzarsi spesso per aprire i frigo e la dispensa e mangiare cibi grassi e ipernutrienti (formaggio, pane, pizzette, patatine). In questo caso non saltare mai la colazione, trasformandolo nel pasto principale con fibre, carboidrati, proteine e grassi sani. Nel corso della giornata fai spuntini leggeri con frutta fresca di stagione. A pranzo e a cena scegli proteine magre e verdura.

Libera professionista

Quando fai la libera professione tendi a saltare i pasti e a mangiare quando capita. La dieta dovrebbe prevedere una colazione molto nutriente – meglio salata –  e che mantenga stabili i livelli di energia per gran parte della giornata e una cena consumata lentamente – a base di zuppe calde e fredde di legumi e verdure o cereali integrali, carne o pesce fresco – ed in modo rilassato entro le 21. Per il pranzo meglio scegliere insalate. A fine giornata ideale è una tisana al biancospino, che ha un effetto particolarmente rilassante.

Fonte: cosmopolitan.it