La dieta dei 30 anni per non ingrassare

 

Purtroppo a 30 anni il metabolismo inizia a rallentare e di conseguenza si incominciano a vedere i chili di troppo su pancia, girovita e glutei. A quest’età, anche la ritenzione idrica è in agguato. Affinchè le tue curve rimangano snelle, devi cominciare a modificare la tua dieta – anche se ti sembra di non averne bisogno.

Possiamo mantenere accelerato il nostro metabolismo con qualche accorgimento. Innanzitutto, dobbiamo bere due litri di acqua al giorno, consumare 5 pasti al giorno diminuendo le quantità di carboidrati a favore delle proteine, meglio se vegetali. E’ preferibile mangiare cibi freschi e poco elaborati, molta verdura e frutta  e niente super alcolici ma  solo vino e birra.

Cosa devi mangiare

dieta1
Dieta dei 30 anni

Sfizio

Uno sgarro a settimana è concesso: mangia pure dolci, pizza, junk food e fritti in piccole quantità ma solo una tantum. Per gli altri giorni mangia torte e biscotti all’acqua fatte in casa, senza burro e uova.

Verdure

Fonte preziosa di sali minerali e vitamine, le verdure – tranne patate e barbabietole –  sono da integrare nell’alimentazione quotidiana in abbondanza. Oltre ad aumentare il senso di sazietà, si possono cucinare in mille modi diversi:  al vapore, in padella con un filo di olio o al forno.

Zuccheri

Elimina gli zuccheri. Questo significa non bere le bevande gassate,  prediligi i latticini 0,1%, non mangiare la frutta dopo cena e sostituisci allo zucchero raffinato quello di canna. Se a colazione non puoi resistere a cappuccio e croissant, allora evita il cacao sul prima e opta per il croissant vuoto.

come-preparare-i-cornetti-da-colazione_fb381c5889adf64cc66d2878dc1bb258
Colazione

Sport

A trent’anni dobbiamo avere molta più consapevolezza del nostro corpo. Lo sport è necessario, ma perché sia efficace deve essere divertente e stimolante. Iscriviti a un corso di danza, kick boxing o zumba.  L’importante è che sia un’attività aerobica intensiva a cui dovrai aggiungere una camminata veloce al giorno per combattere la ritenzione idrica.

Fonte: gioia.it

di Marianna Feo