Newspaper Nail Art, mettete la carta di giornale sulle unghie

Nail trend particolare, dedicata soprattutto a blogger e giornaliste.

Unghie come fogli di giornale? Si può se applicate la Newspaper Nail Art. In pratica si tratta di applicare dei ritagli di carta di quotidiani sulle unghie in modo da trasformare le nostre dita in carta stampata. E’ un’idea originale e divertente, se siete delle blogger o delle giornaliste sarebbe particolarmente a tema. Non è neanche difficilissima da mettere in pratica. Dopo aver fatto una manicure perfetta, si ritagliano della misura giusta per le unghie i pezzi di giornale.

Poi si applica uno smalto lucido, non mat se no la carta di giornale non rimane attaccata. Se proprio volete usare uno smalto mat, dopo averlo fatto asciugare dovete applicargli sopra una ulteriore mano di smalto trasparente. Che colore usare? Se volete ricreare l’effetto giornale meglio usare un grigio chiaro chiaro, altrimenti va bene anche il bianco. O il rosa se volete l’effetto Gazzetta dello Sport.

Dopo aver applicato lo smalto, bagnate le striscette di carta nell’acqua ossigenata per una decina di secondi, togliete la striscetta dall’acqua ossigenata, bagnateci velocemente l’unghia su cui volete collocarla e applicate la carta sull’unghia.

[inline-related id=”660263″]

Bisogna premere forte per farla aderire perfettamente all’unghia. Poi bisogna aspettare che il tutto si asciughi alla perfezione: a questo punto piano piano si toglie il giornale e se tutto ha funzionato a dovere, sull’unghia troveremo la stampa del giornale.

Foto: InstagramInstagramInstagramInstagramInstagramInstagramInstagramInstagramInstagramInstagram

Ciclo mestruale, tutti i falsi miti da sfatare

Dite addio alla spazzola, da adesso i capelli si portano al naturale

Meghan Markle, lo smalto indossato nel giorno delle nozze diventa iconico

Come si usano i guanti per lo scrub

Kate Middleton, il segreto delle sopracciglia sempre curate

Quali sono i sintomi per capire se abbiamo l'endometriosi?

L'incredibile bellezza di amarsi per ciò che si è