Orange is the New Black: lezioni beauty dal carcere

Le carcerate di Litchfield ci insegnano un paio di trucchetti, in caso di evenienza, chiaro.

Arrivata su Netflix la sesta stagione di Orange is the New Black in cui ritroviamo le nostre carcerate ad affrontare le conseguenze della rivolta scoppiata nella stagione prima. Nella nuova stagione le ragazze avranno una punizione esemplare, che cambierà tutto (e tutta la serie): il carcere di massima sicurezza!



ACQUISTA QUI TAPPETINO REFRIGERANTE

Se prima la loro vita ci sembrava dura, ora lo è ancora di più. Ma per noi spettatori la situazione migliora assai molto, con la serie che torna alla scrittura esplosiva delle prime stagioni, facendo emergere nuovi personaggi e tutta la brutalità della vita carceraria.

ACQUISTA QUI TAPPETINO REFRIGERANTE

Se da un lato infatti la prigione estremizza il lato brutale delle carcerate, anche quelle dagli animi più femminili, dall’altro i personaggi della serie cercano di combattere questi istinti anche con messe in pieghe creative e trucchi fai-da-te.

Ecco le lezioni beauty che abbiamo imparato dalle protagoniste:

 

Piper: less is more

Certo, “la bellezza viene da dentro”, spiega Pyper a Red, “ma sfumare l’angolo dell’eyeliner, non tenere i capelli a punta e usare un rossetto più chiaro non guasterebbe!”.

When-Piper-Shows-Us-Less-More

Flaca e Maritza: il potere del make-up

A inizio rivolta Flaca e Maritza cominciano a truccare molte carcerate che, trasformando il loro look, acquistano nuova sicurezza, come succede ad Alex e Nicky. Amiche per la pelle, le due cominciano anche a fare divertenti tutorial in cui spiegano come usare i prodotti dello spaccio.

Sophie: i capelli parlano

Sophie è l’hairstylist transessuale della prigione. Chi vuole cambiare look passa quindi sotto le sue mani. E così nelle scene dentro il suo salone di bellezza scopriamo che esiste il rosso “fiero”, che è quello che chiede Red, o il taglio “non mi fregare”, che è quello che propone a Gloria.

a73a03118656570c88f10fbdd60495d1

Lorna: l’arte di sapersi arrangiare

Lorna non rinuncia alle sue onde anni 20 e il rossetto rosso impeccabile, neanche in prigione. A costo di dormire con la carta igienica annodata tra i capelli, al posto dei bigodini, e usare un gessetto come rossetto.

Ode ai capelli afro

I personaggi come Suzanne, Taystee e Cindy sono un omaggio all’orgoglio dei capelli afro, e offrono tantissime diverse ispirazioni per acconciarli. Beyoncé, spostati!