Parlare al bambino nella pancia non serve

E' solo un falso mito: non ci sentono!

Home > Bellezza > Parlare al bambino nella pancia non serve

Parlare con il bambino mentre è nel pancione della mamma aiuta a creare un legame tra i due, come se ce ne fosse ulteriormente bisogno. Anzi no, non serve proprio a niente. Credere che parlare al bambino mentre è ancora nel grembo materno, per cantargli una ninna nanna, fargli sentire la voce di mamma, papà o dei fratellini, raccontare una fiaba potrebbe non servire come in realtà crediamo da tempo. Secondo un recente studio scientifico, infatti, i bambini riescono a sentire pochissimo dei suoni che provengono dall’esterno!

Lo studio in questiono è stato condotto da Marisa Lopez-Teijón e dalla sua equipe dell’Institut Marquès e si basa su un’analisi dell’udito del feto e dell’effetto della musica quando una nuova vita si forma. La ricerca, presentata presso l’Istituto Karolinska e l’Università di Stoccolma, è stata condotta su pazienti tra la 14ma e la 39ma settimana di gestazione.

Per far sentire al feto la massima intensità del suono, è stato creato un dispositivo per trasmettere musica per via intravaginale, il Babypod, in grado di emettere onde sonore fino a un massimo di 54 decibel, che è il livello di una normale conversazione tra persone. Poi i feti sono stati analizzati tramite ecografie, per capire la reazione di fronte a un brano di musica classica, nello specifico la Partita in la minore per flauto solo di Johann Sebastian Bach.

La musica è stata emessa sia per via addominale sia per via vaginale. Nell’ultimo caso l’87% dei feti ha reagito muovendo testa e arti, fermandosi quando si fermava la musica. Inoltre il 50% dei feti ha reagito tirando fuori la lingua. Nel primo caso, invece, non sono stati osservati particolari cambiamenti nei movimenti del bambino.

Grazie all’invenzione di un dispositivo vaginale abbiamo dimostrato che i feti possono sentire dalla sedicesima settimana, quando misurano 11 centimetri, solo se il suono proviene direttamente dalla vagina“.

Lopez-Teijón ha poi aggiunto: “I feti riescono a malapena a sentire il rumore che proviene dall’esterno. Quindi, possiamo dire che il mito di parlare alla pancia delle donne incinte è storia passata“.