Per avere più memoria mangiate più rosmarino

 

Il rosmarino è uno degli ingredienti principali della nostra cucina: lo usiamo su arrosti e patate per dare un sapore in più, ma possono essere anche molti altri gli utilizzi di questa bella pianta aromatica. Ma sappiate che il rosmarino non è utile solo per insaporire i cibi. Come suggeriva William Shakespeare nell’Amleto, con Ofelia che suggeriva il rosmarino per il ricordo, i ricercatori scientifici hanno scoperto che l’aroma del rosmarino aiuta la memoria. Usiamolo di più in cucina e usiamo anche l’olio essenziale!

Rosemary herb flowering in spring

La scoperta è stata fatta da una ricerca della Northumbria University, nel Regno Unito, presentata alla British Psychological Society’s Annual Conference a Nottingham: lo studio ha coinvolto 150 persone over 65 anni, suddivise in due gruppi. Il primo gruppo ha vissuto l’esperienza in una stanza dove erano stati diffusi oli essenziali di lavanda o rosmarino, mentre il secondo in una stanza senza nessun aroma.

I partecipanti sono stati sottoposti a test per valutare la memoria prospettica, quella proiettata alle cose da fare, ma anche test sull’umore, prima e dopo l’ingresso nelle camere. I risultati hanno mostrato che il rosmarino migliorava la memoria e la lucidità, mentre la lavanda dava calma e felicità.

Oltre al rosmarino, sappiate che anche il tè alla menta piperita aiuta la memoria!

di Redazione