Più the verde bevi più il tuo cuore sta bene

Cosa hanno scoperto alcuni studi scientifici

 

Il tè è la bevanda più consumata al mondo dopo l’acqua, ma solo il 20% sceglie quello verde, nonostante porti diversi benefici al nostro organismo.  Le foglie di tè verde infatti sono ricche di antiossidanti e ne possiedono in percentuale molto più alta rispetto al tè nero in quando meno trattate.

Sono talmente tante le sostanze benefiche in questa bevanda, che sempre più studi avvalorano la sua utilità come regolatore della pressione sanguigna, tanto da indicarlo come un toccasana per il cuore. Una ricerca condotta in Giappone su circa 90 mila persone, – di un’età compresa tra i 40 e i 69 anni-  ha individuato una correlazione direttamente proporzionale tra assunzione giornaliera di tè verde e malattie cardiovascolari.

tc3a8-verde-the-obesitc3a0-infarto-cuore-diabete-drenare-grasso-cellulite
The verde

Più le persone bevono tè verde, meno sono le probabilità che muoiano prematuramente per cause legate al cuore. Lo  studio parla di livelli di salute vascolare molto alti nelle persone che bevono fino a 5 tazze di tè verde al giorno.

Anche il Journal of the American Medical Association aveva  pubblicato nel 2006 un’approfondita indagine sull’assunzione di tè verde e l’associazione alla mortalità dovuta a malattie cardiovascolari. Anche in questo caso,  40,000 soggetti (sempre giapponesi)  tra i 40 e i 79 anni sono stati seguiti per 11 anni e il risultato è stato lo stesso: chi beve più tazze di tè verde al giorno abbasserebbe significantemente i rischi legati al cuore.

Se il the verde viene consumato in abbondanza, si avrebbero dei benefici anche  per l’abbassamento del colesterolo cattivo e una diminuzione del rischio di infarto.

Ci sono poi correlazioni anche con il diabete, la perdita di peso, la salute della pelle, delle cellule cerebrali  – e quindi connessioni con malattie degenerative come l’Alzheimer –  e il suo potere antiossidante nel contrastare i tumori.

Fonte: stile.it