Tutte le proprietà del cocco che (forse) non conoscevi

 

Gli abitanti delle isole del Pacifico definiscono la palma da cocco “l’albero della vita”. Il motivo è da ricercare nelle molte proprietà benefiche che questo frutto nasconde dentro la noce. E’ fresco, ricco di grassi “buoni”, calcio, magnesio e fibre vegetali.

Grazie alle numerose vitamine che possiede, è considerato molto efficace nel trattamento dei disturbi come la debolezza muscolare e l’eccessivo nervosismo. Il cocco è anche un toccasana per le ossa e per i denti ed è ottimo per reintegrare i sali minerali persi a causa della sudorazione.

Latte di cocco
Latte di cocco

Le componenti del cocco più ricche di proprietà benefiche è l’acqua che si trova all’interno del frutto. Di colore chiaro, che, oltre ad essere molto dissetante, ha anche proprietà depurative e disinfettanti. L’acqua di cocco allevia l’acidità gastrica e migliora la digestione. E’ ricca di potassio e sali minerali per cui può essere utilizzata in alternativa alle bevande energetiche e tonificanti.
L’olio di cocco viene ricavato dalla spremitura a pressione della polpa essiccata ed è una valida alternativa in cucina ai grassi di origine animale. È considerato un toccasana contro il colesterolo e i radicali liberi e  possiede proprietà antivirali, antibatteriche e antifungine.
Il famoso latte di cocco è ricavato dalla polpa del frutto che viene essiccata, grattugiata, aggiunta ad acqua calda ed infine filtrata. E’ un ingrediente tipico delle cucine orientali, molto calorico (circa 200 calorie per 100 grammi) e in molte culture viene utilizzato per allattare i bambini.

bellezza-olio-di-cocco
Olio di cocco

La farina di cocco deriva dalla polpa grattugiata delle noci di cocco fresche, dalla quale viene estratto l’olio. È conosciuta anche come cocco rapé e ha un sapore ancora più intenso del frutto fresco. Si tratta di una via di mezzo tra un olio da condimento e una farina raffinata di cereali.

Infine, dalla linfa della palma si può estrarre uno zucchero bianco che ha la peculiarità di avere un basso indice glicemico, in grado di non affaticare il metabolismo.

di Marianna Feo