Tutto ciò che devi sapere sullo smalto semipermanente

 

Prima di quest’estate, avrete sicuramente bisogno di scegliere la tipologia di smalto migliore per le vostre esigenze ed ecco per voi una piccola guida con cui potrete essere in grado di conoscere tutti gli aspetti dello smalto semipermanente e la differnza tra l'”easy off”,  il “soak off” e il “one step”.

Che cos’è

Smalto 2
Smalto semipermanente

Lo smalto semipermanente si differenzia rispetto agli smalti in gel da ricostruzione. È facile da stendere –  anche da casa –  ed è più duraturo dello smalto tradizionale. Per l’applicazione ha bisogno di una lampada UV o led, in modo da potersi asciugare. Prima di stendere lo smalto, dovremo però aver curato le mani con una manicure e la sgrassatura dell’unghia con il buffer  – il mattoncino bianco rettangolare.

Tipologie di smalto permanente

Smalto
Smalto semipermanente: tipologie

1 Easy Off oppure Soak Off:  questi smalti sono più sottili e morbidi rispetto ai gel utilizzati per la ricostruzione delle unghie ed è per questo che si applicano sull’unghia naturale – non sono indicati all’allungamento dell’unghia. Questi smalti vengono rimossi lasciando in ammollo le unghie in un apposito remover e, a differenza dei gel, non è necessario nessun tipo di limatura per la sua rimozione.

Si  applica prima  una base trasparente, vari strati di colore per creare un certo spessore, ed infine il top/sigillante. Dopo ogni passaggio, dobbiamo mettere la mano nella lampada UV o led per far asciugare il prodotto.  La durata è di circa 3-4 settimane.

2 Three Step: si tratta del metodo più popolare e utilizzato e la sua facilità di applicazione ha portato alla nascita di numerosi kit fai-da-te.

La preparazione dell’unghia è sempre la stessa e poi si prosegue con una base stesa accuratamente su tutta l’unghia,  il colore (anche più volte) ed infine  il top coat. Anche in questo caso, ad ogni passaggio, bisogna mettere la mano nella lampada, ed infine passare il cleanser.

La durata dello smalto è di 3 settimane circa e si rimuove con un remover apposito, che viene applicato sull’unghia grazie al remover foil –  fogli di alluminio con applicata dell’ovatta su cui viene versato il remover.

di Marianna Feo