Cellulite: combattila con la dieta deacidificante

Uno schema depurativo per dire addio all'odioso effetto a "buccia d'arancia"!

 

Fino ad oggi abbiamo sempre pensato che l’insufficienza venosa fosse la principale causa dell’insorgenza della cellulite, ma nuove ricerche italiane e internazionali hanno dimostrato che la causa principe è rappresentata invece dal tessuto adiposo, il quale comportandosi come un organo endocrino, innesca uno stato infiammatorio a cui si associa un processo di acidificazione dei tessuti e che trasforma la pelle nel classico aspetto a “buccia d’arancia”.
Questa scoperta ci dà qualche speranza in più di contrastare l’odiosa cellulite: se l’infiammazione rende l’ambiente acido, basta iniziare un programma alimentare depurativo, che renda l’ambiente più basico.
Chiaramente gli alimenti capaci di ridurre l’acidità dei tessuti sono la frutta, la verdura e i legumi, rispetto invece alla carne, ai carboidrati e ai dolci.

cellulite

Vediamo insieme lo schema

La dieta da seguire è più o meno standard, anche se come al solito va adattata e personalizzata.
E’ composta di tre fasi:
1°fase: prevede l’assunzione di frullati di frutta e di verdura per 2-3 giorni
2° fase: 5-6 giorni di alimentazione senza glutine per depurare completamente l’intestino.
3° fase: 15-20 giorni successivi si ricomincia a mangiare inserendo i carboidrati (pasta-riso) a pranzo e le proteine (carne-pesce-uova-latticini) la sera, mantenendo la proporzione di 60% alimenti alcalinizzanti (frutta, verdura e legumi) e 40% di acidificanti (carne, dolci, carboidrati).

Per chiarire il concetto, ti faccio un schema di una “giornata tipo”.
1° fase solo frutta e verdura:
Colazione, spuntino e merenda: un bicchiere di frullato di frutta (quella che sceglierai andrà bene!), senza aggiunta di zucchero;
Pranzo e cena: un bicchiere di centrifugato di verdura.
2° fase Nei giorni in cui il glutine è bandito:
Colazione: un bicchiere di latte, una tazzina di caffè e un frutto a scelta;
Pranzo: un primo di riso o una zuppa di legumi freschi e un contorno di verdure;
Spuntino: un frutto;
Merenda: uno yogurt bianco magro;
Cena: un secondo di pesce o di carne sempre accompagnati da un bel piatto di verdura a scelta. Qui puoi trovare un elenco esplicativo di tutti gli alimenti che puoi o non puoi mangiare in questa fase perché possono o meno contenere glutine.
3° fase: Nell’ultima fase l’alimentazione sarà più varia, non dovendo più stare attenta al glutine:
Colazione, spuntino e merenda rimangono invariati;
Pranzo: un primo di pasta, di riso o una zuppa di legumi con contorno di verdura;
Cena: un secondo di carne, bianca o rossa (non più di una volta a settimana), pesce, formaggi (senza esagerare!) e uova.
Mangia molta verdura e frutta e limita le dosi di dolci, alcool e zuccheri semplici.

cellulite_collage

Se pensi di seguire questo schema de-acidificante, che soprattutto all’inizio può risultare piuttosto drastico, ti consiglio di integrare l’assunzione di bicarbonato di sodio, potassio e magnesio per ridurre ulteriormente l’acidità dei tessuti (li trovi facilmente in farmacia). Infine, ricordati che è necessario bere 2 litri di acqua al giorno, acidula durante i pasti, come la Lete, la S. Marco, la Ferrarelle e a pH verso l’alcalinità (sopra 5,8-6) lontano dai pasti, come la Panna, la Evian, la San Benedetto, la San Pellegrino, la Vera, la Vitasnella, l’Uliveto, la Sangemini o la Fiuggi.

Una volta depurato l’organismo e spenta l’infiammazione, bisognerebbe mantenere nell’alimentazione il giusto equilibrio acido-base, dando preferenza ai cibi alcalini, ma senza eliminare del tutto quelli acidi, dei quali abbiamo comunque bisogno.

8 cibi che causano il cancro

Banana quando mangiarla e perché

Non ho più il ciclo, che succede? Ecco tutti i motivi

Dieta di Natale per non perdere la linea durante le feste. Come funziona?

Segnali che nella tua amichetta c'è qualcosa che non va

Rimedi naturali contro il mal di testa

I migliori medici italiani 2019