Cisti di Baker, sintomi e cause: come trattarle in modo naturale

Le cisti di Baker sono piuttosto comuni, talvolta asintomatiche altre volte dolorose. Ma quali sono i sintomi e come trattarle in modo naturale?

Home > Benessere > Cisti di Baker, sintomi e cause: come trattarle in modo naturale

Piuttosto comuni ed anche dolorose sono le cisti di Baker. Con questo termine si intende una sacca piena di liquido, che in genere si forma dietro il ginocchio. Nonostante il nome scientifico sia cisti di Baker, questa è più nota come cisti poplitea. Spesso la formazione di tale cisti è determinata dall’articolazione del ginocchio. In molti casi, in presenza di una cisti di Baker, non si riscontrano sintomi, mentre in altri casi si presenta gonfiore, dolore e sensazione di rigidezza articolare. Nei casi più gravi, si può anche verificare la fuoriuscita del liquido che è contenuto all’interno della cisti. Per la cura ed il trattamento delle cisti di Baker si può fare ricorso a diverse misure terapeutiche, che possono essere più o meno invasive. Nonostante, dunque, non si tratti di una condizione piuttosto preoccupante, la causa va individuata e trattata per poter evitare complicazioni.

Dimensioni e quantità

Le dimensioni di una cisti di Baker non sono sempre le stesse, ma possono variare. In alcuni casi è piccola, in altri può raggiungere dimensioni più grandi, anche diversi centimetri. Riguardo la quantità, proprio dietro il ginocchio si potrebbero creare anche più di una cisti.

Segni e sintomi

Come abbiamo visto, queste cisti possono essere asintomatiche. In altri casi, invece, possono sorgere sintomi ben specifici come:
– gonfiore dietro al ginocchio
– rigidezza
– incapacità di allungare il ginocchio.
Questi sintomi, potrebbero arrivare a peggiorare nel caso in cui si tende a stare troppo in piedi.

Cause

In genere, il liquido che è presente all’interno del ginocchio, permette di farlo oscillare senza creare alcun tipo di attrito nelle articolazioni. Succede a volte che le ginocchia producano questo fluido in più, e ciò significa che il liquido si va ad accumulare nella parte posteriore del ginocchio. Questo causa la formazione della cisti di Baker. Ad ogni modo, a causare l’accumulo di liquido è una ferita al ginocchio, come anche una lacrima di cartilagine o un’infiammazione dell’articolazione del ginocchio e dunque la presenza dell’artrite.

Trattamenti naturali

Una volta fatta la diagnosi, bisogna intervenire. Le opzioni sono varie dai farmaci, all’agopuntura, al drenaggio del fluido ed infine la chirurgia. Esistono anche dei trattamenti naturali. Quali?

Ghiaccio o calore

Si possono fare degli impacchi, direttamente sulla zona e questi possono essere caldi o freddi. Gli impacchi andranno fatti per circa 10-15 minuti. Potete anche utilizzare un impacco freddo. In entrambi i casi aiutano a ridurre il dolore ed anche l’infiammazione.

Olio di ricino

Dovrete aver bisogno di un impacco caldo ed 1-2 cucchiaini di olio di ricino spremuto a freddo. Questo va applicato alla zona interessata. L’impacco andrà fatto per un massimo di 20 minuti. Poi passate a rimuovere e risciacquare l’olio dalla pelle.