Come capire se la tiroide non funziona

Scopriamo i sintomi che ci fanno intuire se la ghiandola è alterata.

Home > Benessere > Come capire se la tiroide non funziona

La tiroide è un organo importantissimo, che serve al  nostro organismo che svariate funzionalità. Infatti, gli ormoni della tiroide sono utili per la salute delle ossa, della pelle e dei capelli.

Inoltre, la tiroide influisce sui  livelli di colesterolo, il battito cardiaco e sul sistema nervoso,. Ma, come capire se la tiroide non funziona? Ecco i sintomi da non sottovalutare.

Ipotirodismo

La forma più comune di patologie legate alla tiroide è l’ipotirodismo, quand la tiroide produce ormoni in quantità scarsa e si tratta di un problema difficile da riconoscere, poiché  i sintomi sono aspecifici.

Inoltre, i disturbi che provica l’ipotirodismo sono spesso tollerati con il passare del tempo dalle persone. Questi fastidi sono, ad esempio:

  • Stanchezza
  • Aumento di peso
  • Difficoltà di concentrazione
  • Sonnolenza

Se la malattia non viene curata, a lungo andare possono presentarsi altri sintomi  come pelle pallida, secca e fredda,  capelli opachi e fragili e unghie fragili.

Il gozzo  e i noduli

Un altro problema legato alla tiroide è l’aumento del volume che provoca il così detto gozzo o la comparsa di noduli, che si possono individuare con un’ecografia.

Questa patologia dipende da una carenza di iodio e colpisce le persone più anziane.

Ipertiroidismo

Nel caso dell’ipertiroidismo, invece,  i problemi sono di segno  opposto rispetto all’ipotirodismo ed è meno frequente.

In questo caso la tiroide produce un eccesso di ormoni tiroidei che da luogo a fastidi come tachicardia, perdita di peso, tremori, disturbi del sonno, nervosismo, intolleranza al caldo.

Inoltre la pelle tende a diventare arrossata, calda, umida e si suda molto da mani e piedi.

Tra le cause di ipertiroidismo vi è ad esempio  il morbo di Basedow, per cui la iperproduzione di ormoni tiroidei è determinata da anticorpi che imitano l’effetto dell’ormone tireostimolante.

I  sintomi più gravi sono  il gozzo e l’ esoftalmo – ovvero la fuoriscita degli occhi dalle orbite.