Esofagite da reflusso

L'esofagite da reflusso è un disturbo molto comune ma se non curato può essere davvero pericoloso. Ecco da cosa è dovuto, come curarlo e prevenirne l'insorgenza.

Home > Benessere > Esofagite da reflusso

L’ esofagite da reflusso è un disturbo molto comune ma se non curato può essere davvero pericoloso. Ecco da cosa è dovuto, come curarlo e prevenirne l’insorgenza.

esofagite da reflusso

L’esofagite da reflusso è una condizione in cui il rivestimento dell’esofago si gonfia, si infiamma o irrita. L’esofago è il tubo che va dalla bocca allo stomaco. È anche conosciuto come un tubo alimentare.

Cause dell’ esofagite da reflusso

Frequentemente, l’ esofagite è causata dal reflusso di liquido dallo stomaco nell’esofago. Il liquido contiene acido, che irrita il tessuto. Questo problema è chiamato reflusso gastroesofageo  (GERD). Una malattia autoimmune chiamata esofagite eosinofila causa anche questa condizione.

I seguenti fattori aumentano il rischio per questa condizione:

Consumo di alcol

Consumo di sigarette

Chirurgia o radiazioni nel torace (ad esempio trattamento per il cancro del polmone)

Assunzione di alcuni farmaci, come alendronato, doxiciclina, ibandronato, risedronato, tetraciclina, compresse potassio e vitamina C, senza bere molta acqua

Vomito

Sdraiarsi dopo aver mangiato pasti abbondanti

Le persone che hanno un sistema immunitario indebolito possono avere infezioni che portano all’esofagite. Le infezioni possono portare a infiammazione dell’esofago. L’infezione potrebbe essere dovuta a:

Funghi o funghi di lievito (nella maggior parte dei casi Candida)

Virus come herpes o citomegalovirus

Le cause meno frequenti di esofagite sono:

eosinofila infettiva da farmaci e da radiazioni

Prevenzione

Nel caso del reflusso gastroesofageo o esofagite da reflusso, le misure preventive comprendono la riduzione del peso in caso di obesità, evitare i pasti abbondanti e ricchi di grassi, non fumare e seguire una dieta con cibi che non peggiorano il reflusso.

L’esofagite da radiazioni può essere prevenuta distanziando il tempo tra cicli di chemioterapia e radioterapia e l’uso di antinfiammatori.
Ricorda di fare attenzione ai primi segnali del reflusso gastroesofageo, ti consigliamo di rivolgerti tempestivamente dal medico specialista che potrà diagnosticare la gravità dei sintomi.

Bigodino.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI