La curcuma aiuta i malati di Alzheimer

La curcuma aiuta le persone affette da Alzheimer, migliora la memoria e l'umore.

Home > Benessere > La curcuma aiuta i malati di Alzheimer

La curcuma aiuta le persone affette da Alzheimer, migliora la memoria e l’umore. La curcuma è stata utilizzata in India per oltre 5.000 anni, che è probabilmente il motivo per cui, ancora oggi, le popolazioni rurali e urbane hanno la più bassa percentuale nel mondo di soffrire di Alzheimer. Uno studio recente ha rilevato che meno di un grammo di curcuma al giorno, presa per tre mesi, ha aiutato nel recupero dei malati di Alzheimer.

 

 

 

La malattia di Alzheimer: un rituale moderno inquietante che precede la morte

Una diagnosi di malattia di Alzheimer, purtroppo, è diventata un rito di passaggio nei cosiddetti paesi sviluppati. L’Alzheimer è considerata la forma più comune di demenza, definita come una grave perdita della funzione cognitiva in persone precedentemente non curate, al di là di quanto ci si aspetti dal normale invecchiamento. Uno studio del 2006 ha stimato che 26 milioni di persone in tutto il mondo soffrono di Alzheimer e che entro il 2050 la prevalenza quadruplicherà, e in quel momento 1 su 85 persone nel mondo saranno colpite dalla malattia. Data la portata globale del problema, l’interesse per gli interventi preventivi e terapeutici sicuri ed efficaci all’interno delle professioni mediche e le alternative convenzionali, stanno crescendo allo stesso modo. Sfortunatamente, gli approcci terapeutici convenzionali possono provocare gravi danni neurologici, come dimostra il fatto che questa classe di farmaci comporta un rischio allarmante di convulsioni, secondo le statistiche di sorveglianza post-marketing dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Pertanto, a ciò che il pubblico scommette sempre di più, sono le terapie che dipendono dal cibo. Queste sono sicure e naturali ma comunque più efficaci, come le spezie.

 

La curcuma aiuta nel recupero dei malati di Alzheimer

Alla fine dello scorso anno, è stato pubblicato uno studio intitolato “Effetti della curcumina sulla malattia di Alzheimer con sintomi comportamentali e psicologici della demenza“. I ricercatori descrivono tre pazienti con malattia di Alzheimer, i cui sintomi comportamentali sono “notevolmente migliorati“, come un risultato di consumo di 764 milligrammi di curcumina (100 mg / die) per 12 settimane. Secondo lo studio: “I tre pazienti hanno mostrato irritabilità, agitazione, ansia e apatia, due pazienti hanno sofferto di incontinenza urinaria. Sono stati prescritti capsule di polvere di curcuma e hanno iniziato a riprendersi da questi sintomi senza alcuna reazione avversa”.

Dopo soli 3 mesi di trattamento, sia i sintomi dei pazienti che il carico sui loro assistenti sono diminuiti significativamente.

 

Il rapporto descrive i miglioramenti in questo modo: “In un caso, il Mini-Mental State Examination (MMSE), è salito di cinque punti, da 12/30 a 17/30. Negli altri due casi, non sono stati osservati cambiamenti significativi nel MMSE. Tuttavia, alcuni pazienti sono riusciti a riconoscere la propria famiglia dopo aver seguito il trattamento per un anno. Tutti i pazienti hanno assunto la curcuma per più di 1 anno, la riacutizzazione dei sintomi comportamentali e psicologici della demenza non è stata evidenziata“.

Questo studio illustra quanto potente possa essere un semplice intervento naturale utilizzando un’erba culinaria provata nel tempo. Dato che la curcuma è stata utilizzata in medicina e come ingrediente culinario per oltre 5.000 anni di cultura indiana e viene anche definita “la spezia d’oro”, non dobbiamo essere sorpresi di questo risultato.