“Love the skin you are in”, in mostra le persone con pelli rare

Non tutte le pelli sono uguali. Ci sono persone che soffrono di particolari condizioni che rendono la loro pelle "rara".

Home > Benessere > “Love the skin you are in”, in mostra le persone con pelli rare

Si chiama “Love The Skin You Are In” ed è una mostra davvero unica nel suo genere. Il concetto di bellezza non è universale. Varia da cultura a cultura. E anche da persona a persona. Quindi è inutile seguire standard impossibili di bellezza. Bisogna, invece, trovare il bello di ognuno di noi. La mostra celebra l’idea di amare la pelle in cui ti trovi. Anche se si tratta di pelli rare!

La mostra esibisce, infatti, ritratti di uomini e di donne che soffrono di condizioni epidermiche rare. Ci sono persone di tutte le età nate con problemi alla pelle che non possono essere trattate. Si tratta di persone che vivono con condizioni congenite che possono arrivare a ricoprire il corpo di macchie scure fino all’80%. Grandi segni di marrone scuro interessano il loro viso, i loro arti, le loro schiene.

La mostra è supportata dall’organizzazione benefica britannica CMN, Caring Matters Now e si compone di 30 ritratti diversi. Molti dei modelli non avevano mai rivelato prima le loro voglie in pubblico. Lo scopo è quello di sfidare le percezioni convenzionali della bellezza.

Le persone che soffrono di questo disturbo spesso si sentono isolate per la rarità della loro condizione e ogni giorno devono fare i conti con commenti negativi a causa della loro differenza. Questo influisce sulla loro autostima, in particolare dei bambini. Una mostra come questa incoraggia chi ne soffre a non nascondersi e sensibilizza tutti gli altri ad accettare l’unicità di ognuno di noi.

Le 30 immagini sono state fatte da Brock Elbank, che ama concentrarsi su caratteristiche fisiche precise. E’ famosa per la serie Beard che immortala 80 persone con barba.

In un mondo in cui le persone lavorano per distinguersi dalla folla, questa mostra vuole, invece, celebrare la diversità ed educare le persone a questa rara condizione.

Perché ognuno di noi è semplicemente stupendo nella sua unicità!