Microrganismi: ecco l’identikit di virus e batteri

ual è la differenza tra virus e batteri? Sono lo stesso tipo di microrganismo? Come entrano in contatto con noi? Sono tutti dannosi e vanno debellati?

Recentemente si sta parlando molto di virus e di batteri, di quanto sia necessario proteggersi da questi microrganismi e di quali precauzioni adottare quotidianamente.
Ma qual è la differenza tra virus e batteri? Sono lo stesso tipo di microrganismo? Come entrano in contatto con noi? Sono tutti dannosi e vanno debellati?

La professoressa Patrizia Brigidi, Docente di Biotecnologia delle Fermentazioni presso il Dipartimento di Farmacia e Biotecnologie di Bologna, una delle massime esperte di microbiota del nostro Paese insieme a YOVIS, linea di fermenti lattici di Alfasigma, hanno risposto alle nostre domande proprio rispetto alla natura di virus e batteri.

VIRUS E BATTERI:
Sono la stessa cosa?
“Sia i batteri che i virus sono microrganismi ma hanno caratteristiche molto, molto diverse.” – precisa la Professoressa – “La prima differenza sta nelle dimensioni. In entrambi i casi si tratta di esseri invisibili ad occhio nudo ma i batteri sono più grandi dei virus, con dimensioni dell’ordine dei micron, ovvero milionesimi di metro, mentre i virus hanno dimensioni dell’ordine di nanometri, ovvero miliardesimi di metro.”
I batteri sono costituiti da una singola cellula, molto semplice, senza un nucleo ben definito a racchiudere il materiale genetico, e sono capaci di riprodursi autonomamente, dividendosi in due cellule-figlie identiche.
I virus, invece, sono costituiti da materiale genetico (DNA o RNA) rivestito da un involucro di proteine; sono una forma di vita ancora più semplice dei batteri e, contrariamente a questi, non possono riprodursi autonomamente.

Dove si trovano?
I virus, per sopravvivere e moltiplicarsi, devono invadere una cellula ospite; la loro resistenza nell’ambiente in genere è bassa, anche se alcuni possono sopravvivere più a lungo.
“I batteri, invece,” – spiega la Professoressa Brigidi – “possono vivere quasi ovunque: su superfici inerti ma anche all’interno e all’esterno di un organismo vivente. Ma questa non è una cosa di per sé negativa. Diversi batteri, infatti, colonizzano naturalmente organismi viventi senza causare danni o malattie, anzi: la loro presenza è importante per l’ospite perché supportano sia funzioni metaboliche che risposte immunitarie. Questi batteri sono chiamati simbionti e, insieme ad altri microrganismi, costituiscono i diversi microbiota.”

Possono quindi avere effetti benefici/positivi?
“Basti pensare alla flora batterica intestinale! Nel nostro intestino risiedono stabilmente circa 400-500 specie di microrganismi: batteri, funghi e anche virus.” – Afferma la Professoressa Brigidi – “E ogni essere umano ha una “lista di occupanti” unica e personale, che determinano la sua propria e specifica impronta digitale batterica. Fintanto che questi microrganismi coesistono pacificamente, per noi sono degli alleati preziosi, non degli invasori nocivi.”
Ma virus e batteri possono essere dannosi, eccome.

Quando sono dannosi?
I virus sono dei parassiti obbligati e, in virtù della loro dipendenza dall’ospite, sono sempre causa di infezioni. Invadendo la cellula-ospite, animale, vegetale o batterica che sia, infatti, ne causano la distruzione o, in alcuni casi, la trasformazione in cellula tumorale.
Possono infettare le persone per via aerea, alimentare, attraverso rapporti sessuali o attraverso vettori quali gli insetti.
Un’infezione virale provoca nell’uomo effetti estremamente diversi, con livelli di gravità altrettanto differenti. Un’infezione da virus può essere trattata con farmaci antivirali specifici che bloccano la moltiplicazione del virus, o prevenuta grazie ad una vaccinazione specifica, in grado di farci sviluppare gli anticorpi necessari per combattere il virus qualora ci infetti.

La Professoressa Brigidi conclude: “Alcuni batteri, chiamati patogeni, possono essere aggressivi e causare danni a tessuti e organi, dando luogo a infezioni, localizzate o diffuse a tutto l’organismo. I batteri patogeni si diffondono con diverse modalità, a seconda dell’origine dell’infezione – che può essere rappresentata da altri individui, animali, insetti o fonti ambientali – e della via di trasmissione, che può avvenire per contatto, per via aerea o attraverso l’alimentazione. Le malattie causate da batteri patogeni possono essere severe o letali e possono essere curate con gli antibiotici.”

Se gli antibiotici – letteralmente “contro la vita” – sono il rimedio più efficace per combattere i batteri patogeni in caso di prescrizione medica, il loro corrispettivo etimologico, ovvero i probiotici – letteralmente “a favore della vita” – aiutano invece a ripristinare l’equilibrio della flora batterica intestinale.

Banana quando mangiarla e perché

Ogni dente è associato a una parte del corpo. E lo è anche il dolore

Segno zodiacale, come affrontare una brutta giornata

Abitudini quotidiane per la felicità

Effetto Natsubate: significato del termine e cosa fare

Micosi unghie dei piedi: come eliminare i funghi

Influenza 2018. Il bilancio fa paura: 30 morti, 140 casi gravi e più di 800 mila italiani a letto in una settimana