Perché è importante mangiare i cachi

I benefici alla salute dei cachi, frutto originario dell'Asia orientale.

Home > Benessere > Perché è importante mangiare i cachi

Molti non hanno familirità con il cachi (o kaki), frutto originario dell’Asia orientale che proviene da una delle più antiche piante coltivate dall’uomo, conosciuta per il suo uso in Cina da più di 2000 anni. In tanti, infatti, non sanno che questo frutto presenta molti benefici per la salute.

cachi

I cachi sono frutti di colore arancione o rosso bruno che crescono sugli alberi come le prugne e assomigliano a un piccolo pomodoro piatto. Ecco cosa succede nel nostro corpo quando lo mangiamo:

Il cachi aiuta a mantenere il cuore sano

Una ricerca internazionale recente ha scoperto che il cachi contiene un alto tasso di minerali, fibre alimentari e composti fenolici che impediscono l’aterosclerosi, la causa principale delle malattie cardiache. Secondo la ricercatrice Shela Gorinstein del Dipartimento di Chimica Farmaceutica dell’Università Ebraica di Gerusalemme (Israele), i cachi infatti contengono “elevati fenoli, fibre, minerali e oligoelementi che lo rendono preferibile alla mela per una dieta anti-aterosclerotica”.

Il cachi riduce i livelli di colesterolo nel corpo

cachi

Sulla rivista medica Annals of Nutrition & Metabolism è stato pubblicato uno studio per scoprire se il cachi possa abbassare il livello di colesterolo nel corpo. Ebbene, la ricerca ha dimostrato che il cachi può ridurre significativamente i livelli di colesterolo nell’organismo. Lo studio ha coinvolto 40 partecipanti che hanno consumato cachi per tre volte al giorno 12 settimane. Un’altra ricerca è stata pubblicata sulla rivista Journal of Nutrition: il consumo di cachi ha ridotto il colesterolo totale, il colesterolo cattivo LDL e i trigleceridi nei ratti.

I nutrienti dei cachi

cachi

Ecco alcuni nutrienti contenuti nei cachi:

  • La fibra alimentare nei cachi è elevata e il contenuto di acqua è pari all’80% della massa totale del frutto.
  • Vitamina A: 33% di RDA (dose giornaliera raccomandata);
  • Manganese: 18% del fabbisogno giornaliero del corpo;
  • Vitamina C: 13% di RDA;
  • Vitamina B6: 5% di RDA.

Vi abbiamo convinto a provarlo?