Ridurre l’ansia, efficaci metodi di respirazione

Ridurre l'ansia: efficaci metodi di respirazione. Impara a respirare correttamente per alleviare la tua ansia.

Ridurre l’ansia: efficaci metodi di respirazione. Impara a respirare correttamente per alleviare la tua ansia. La respirazione è una necessità della vita che avviene involontariamente.

 

 

Quando respiri aria, le cellule del sangue ricevono ossigeno e rilasciano anidride carbonica. L’anidride carbonica è un prodotto di scarto che viene riportato attraverso il corpo ed espirato. La respirazione impropria può alterare lo scambio di ossigeno e anidride carbonica e contribuire ad ansia, attacchi di panico, stanchezza e altri disturbi fisici ed emotivi.

Il tuo respiro può contribuire alla tua ansia e al panico

La maggior parte delle persone non è realmente consapevole del modo in cui respira, ma in generale, ci sono due tipi di modelli di respirazione:

Respirazione toracica (torace)
Respirazione diaframmatica (addominale)

Quando le persone sono ansiose tendono a fare respiri rapidi e superficiali che arrivano direttamente dal petto. Questo tipo di respirazione è chiamata toracica o respirazione toracica. Quando ti senti ansioso, potresti anche non essere consapevole che stai respirando in questo modo.

La respirazione toracica provoca disturbi ai livelli di ossigeno e anidride carbonica nel corpo, con conseguente aumento della frequenza cardiaca, vertigini, tensione muscolare e altre sensazioni fisiche. Il tuo sangue non viene adeguatamente ossigenato e questo potrebbe segnalare una risposta allo stress che contribuisce ad ansia e attacchi di panico.

 

 

Mente sana

Impara i modi migliori per gestire lo stress e la negatività nella tua vita.

Al contrario, durante la respirazione addominale o diaframmatica, fai respiri profondi e regolari. Questo è il modo in cui i neonati respirano naturalmente. Probabilmente stai anche usando questo schema di respirazione quando sei in una fase rilassata del sonno.

Differenza tra il torace e la respirazione addominale

Il modo più semplice per determinare il tuo modello di respirazione è quello di mettere una mano sull’addome superiore vicino alla vita e l’altra al centro del petto. Mentre respiri, nota quale mano si alza maggiormente. Se stai respirando correttamente, l’addome dovrebbe espandersi e contrarsi ad ogni respiro (e la mano su di essa dovrebbe aumentare di più). È particolarmente importante essere consapevoli di queste differenze durante i periodi stressanti e ansiosi quando è più probabile respirare dal petto.

 

 

Semplice esercizio di respirazione addominale per il relax

La prossima volta che ti senti ansioso prova questa semplice tecnica di rilassamento:

Inspira lentamente e profondamente attraverso il naso. Tieni le spalle rilassate. Il tuo addome dovrebbe espandersi e il tuo torace dovrebbe alzarsi molto poco.

Espira lentamente attraverso la bocca. Mentre fai uscire l’aria, sbatti leggermente le labbra, ma mantieni la mascella rilassata. Potresti sentire un leggero suono “sibilante” mentre espiri.

Ripeti questo esercizio di respirazione per diversi minuti.

È possibile eseguire questo esercizio tutte le volte che è necessario. Può essere fatto in piedi, seduto o sdraiato.

Se trovi difficile questo esercizio o credi che ti stia rendendo ansioso o in preda al panico, fermati. A volte le persone con un disturbo di panico inizialmente sentono maggiore ansia o panico mentre fanno questo esercizio. Ciò può essere dovuto all’ansia causata dalla concentrazione sulla respirazione, oppure potrebbe non essere possibile eseguire correttamente l’esercizio senza una certa pratica. Se ti capita, fermati. Provalo qualche giorno dopo per qualche minuto man mano che ti abitui a farlo.

Abitudini per evitare le infezioni dopo i rapporti intimi

Fibromialgia: i sintomi a cui non si pensa

Svelato finalmente il motivo per cui non dovresti mai dormire sul lato destro del tuo corpo

Apparato genitale femminile: può cambiare forma?

Come accelerare il metabolismo

Ecco cosa l'acne sta cercando di comunicarti

Ho sempre fame: da cosa dipende? Cause comuni e rimedi