Rimedi per ridurre i sintomi dell’allergia

5 rimedi efficaci per ridurre i sintomi dell'allergia ai pollini senza l'uso di farmaci.

Home > Benessere > Rimedi per ridurre i sintomi dell’allergia

5 rimedi efficaci per ridurre i sintomi dell’allergia ai pollini senza l’uso di farmaci. Controllare il polline ti aiuterà a decidere se è un buon giorno per stare fuori o se è meglio stare a casa.

 

 

Con l’arrivo della primavera e l’inizio dell’estate, il prato diventa verde, gli alberi rinnovano le foglie e i parchi e i giardini sono pieni di fiori. Tuttavia, per coloro che soffrono della cosiddetta febbre da fieno o più genericamente di allergia ai pollini , la stagione primaverile può essere un vero incubo. Questa allergia che colpisce milioni di persone in tutto il mondo, è una reazione alle spore fungine e alle particelle di polline rilasciate da piante e alberi come parte del loro ciclo riproduttivo.

I sintomi più comuni sono starnuti, tosse e infiammazione della mucosa nasale, che causa congestione e naso che cola e irritazione degli occhi. L’insorgenza dei sintomi è legata a ciò che siamo allergici in modo specifico: al polline degli alberi o all’erba e ad alcune specie di piante in particolare, poiché ognuna di esse è impollinata in diversi mesi dell’anno.

Esistono 30 tipi di polline che possono causare allergia. Anche se attualmente non esiste una cura, l’allergia ai pollini può essere controllata. Ci sono vari farmaci (spray nasali, decongestionanti e antistaminici) che vengono venduti in farmacia per ridurre i sintomi. Ma se preferisci non ricorrere ai farmaci e i sintomi che soffri sono lievi, puoi tenere a bada l’allergia evitando le situazioni che scatenano questa reazione nel tuo corpo. Qui ti diamo alcuni consigli per sopravvivere al polline.

 

1- Controllare il conteggio dei pollini nelle previsioni del tempo

Se le autorità del tuo paese lo rendono pubblico, controlla il conteggio dei pollini nelle previsioni del tempo. Questa è una misura che specifica il numero di granuli di polline per metro cubo di aria. Secondo il Met (l’Ufficio meteorologico del Regno Unito), quando questo numero supera i 50 , le persone allergiche possono sviluppare i sintomi.
Presta anche attenzione al clima, poiché influenza la quantità di polline che rilascia alberi e piante e come viene distribuito. Nei giorni umidi e ventosi, il polline si diffonde facilmente, ma quando piove, l’aria si schiarisce. Nei giorni estivi, ad esempio, il conteggio è più alto quando arriva il pomeriggio.

 

2 – Vaselina e occhiali

Gli occhiali da sole aiutano a prevenire l’irritazione degli occhi.
Il sistema sanitario nazionale del Regno Unito, noto con l’acronimo NHS, raccomanda di coprire le narici con la vaselina per intrappolare i grani di polline e impedire loro di entrare nel tratto respiratorio. Gli occhiali servono anche a proteggere gli occhi da queste particelle.

3 – Doccia e cambio di vestiti

Un’altra raccomandazione è quella di fare la doccia, lavare i capelli e cambiare i vestiti se sei stato all’aperto. Molte particelle di polline sono intrappolate nei capelli e nelle fibre dei vestiti. Se non le elimini, soffrirai degli stessi sintomi anche se ti trovi in ​​un ambiente chiuso.

4 – Appendi i vestiti all’interno della casa

Se si lasciano i vestiti appesi all’esterno, i grani di polline possono rimanere intrappolati all’interno delle loro fibre. In estate, se è una giornata di sole, è molto allettante asciugare i vestiti all’aperto. Tuttavia, se il vento sposta le particelle di polline, possono rimanere bloccate nei vestiti. Meglio appendere le tue cose dentro.

5 – Passa regolarmente l’aspirapolvere

Oltre a tenere chiuse finestre e porte, l’NHS consiglia di passare l’aspirapolvere regolarmente. Questo è importante, specialmente se hai i tappeti. Pulisci anche la polvere dei mobili con un panno umido , in modo da non far volare la polvere. Bisogna evitare di avere fiori freschi in casa. Ma ricorda che se i sintomi sono più gravi, puoi ricorrere ai farmaci. I moderni antistaminici non provocano sonnolenza come quelli vecchi e possono farti sentire meglio. In caso di dubbio, puoi anche consultare un medico.