Crudismo: la cucina che non si cucina!

Arriva da Hollywood il nuovo trend sulla cucina salutare, il crudismo non prevede la cottura di nessun alimento per preservarne tutte le proprietà nutrizionale: dall'antipasto al dolce senza accendere i fornelli.

crudismo

Qualche settimana fa mi arriva l’invito da parte di un’amica per un piccolo evento privato: una degustazione di dolci completamente realizzati con metodo crudista!

Devo dire che, come molti di voi, immagino, avevo non poche perplessità e soprattutto dubbi, ma com’è possibile cucinare senza cuocere? È vero che anche noi nella nostra vita quotidiana mangiamo diverse pietanze crude, dalle semplici insalata, alla frutta, ai cibi marinati, ma vivere completamente senza cuocere nulla? È possibile?

Intanto, mi pare doveroso iniziare col capire meglio cos’è il crudismo.

L’alimentazione crudista ha origine dall’igienismo alimentare di cui massimo fautore fu il medico americano Herbert M. Shelton negli anni’40; questa filosofia è arrivata a noi dagli Stati Uniti, e in particolare da Hollywood dove oggi è molto di moda tra divi e pop star. Ormai si sta diffondendo fortemente anche in Italia, sono diversi infatti i corsi di cucina crudista che si possono trovare in circolazione e molti i libri che raccontano ricette e trucchi per seguirla nel modo migliore.

Le regole del crudismo sono piuttosto semplici: nessun cibo viene cotto poiché si ritiene che portando un alimento oltre i 43° si distruggono gli enzimi contenuti nel cibo stesso e tramite cui avviene il processo digestivo, per questo i soli metodi di “cottura”, se così si possono chiamare, sono la marinatura e la disidratazione tramite appositi essicatori; si prevedono brevi periodi di digiuno con sola acqua per purificare completamente il metabolismo; nel caso di crudismo vegano l’alimentazione si basa su frutta, verdura e semi come noci, nocciole, mandorle; il crudismo vegetariano include anche i cereali; quello onnivero permette anche l’assunzione di carni e latticini.

Detto questo, devo dire che la degustazione a cui ho preso parte mi ha piacevolmente sorpreso; basata sul crudismo vegano, prevedeva dolci realizzati interamente con frutta fresca, frutta secca e semi di vario genere.

Abbiamo iniziato con delle praline di datteri e frutta secca al cocco.

praline

 Per passare poi ad una mousse al cioccolato completamente vegetale realizzata con avocado, cacao e scorza di limone.

mousse

Abbiamo proseguito con una crema di cachi alla vaniglia con panna di noci, devo dire che questo è stato il dolce più particolare della serata per il suo sapore inusuale, poi la panna di noci mi ha davvero conquistato!

Gran finale con la torta alle pere: si trattava di una torta con una base fatta di datteri tritati con frutta secca e vaniglia, sopra uno strato di 5cm di pere disidratate con aggiunta di noci e uvetta passa, il tutto cosparso con una crema di latte di mandorla, che dire, una squisita bomba energetica!

Quello che ho constatato è che però, se anche tutto è stato davvero di mio gradimento, e al mattino dopo, nonostante avessi praticamente fatto una scorpacciata di dolci, mi sono risvegliata leggerissima, mi è mancato il fatto di avere qualcosa di croccante da mettere sotto i denti, come una cialda o un biscotto, sarà forse colpa dell’abitudine?

Comunque, nonostante abbia davvero apprezzato la degustazione e provi profonda ammirazione per chi fa scelte alimentari così particolari, credo che la cosa migliore rimanga comunque quella di seguire una dieta equilibrata, con molta frutta e verdura, ma anche cereali e proteine in quantità idonee per evitare di intossicare o appesantire il metabolismo.

Ma poi, se l’uomo è riuscito a vivere per millenni cibandosi di ogni cosa, siamo così sicuri che la carne, i latticini, i cereali o la cottura dei cibi facciano poi così male? Non è forse più probabile che il vero problema non stia nei cibi ma piuttosto nei veleni che ormai contaminano indiscriminatamente ogni tipo di alimento che arriva sulle nostre tavole?

Il menù settimanale da stampare

Il menù settimanale da stampare

3 ricette per cucinare le patate al microonde in meno di 15 minuti

3 ricette per cucinare le patate al microonde in meno di 15 minuti

La ricetta per la fonduta perfetta

La ricetta per la fonduta perfetta

Quanto riso a persona dosare per un risotto?

Quanto riso a persona dosare per un risotto?

Il fingerfood si fa etnico: Gamberi thai al cocco e salsa al curry

Il fingerfood si fa etnico: Gamberi thai al cocco e salsa al curry

Torta all'Acqua, ottima per dimagrire

Torta all'Acqua, ottima per dimagrire

Aiuto, gli albumi non montano a neve!

Aiuto, gli albumi non montano a neve!