Geléè all'arancia

Un piccolo strappo alla dieta

Alzi la mano chi dopo le feste natalizie  non ha iniziato a seguire una dieta, non si è iscritta in palestra, non ha iniziato ad andare a correre, ecc…ecc…ecc… .

Ecco io sono tra queste nell’ordine:

  1. dieta;
  2. correre (nei giorni in cui non piove…ho provato a seguire le orme di Mr Balboa, ma purtroppo non ci sono riuscita);
  3. palestra…in casa (per non rischiare di ritrovarmi con un abbonamento utilizzato 5/6volte al massimo).

Adoro i momenti da “buoni propositi”, quelli che si fanno prima che finisca l’anno per intenderci: una lista infinita di cose da fare nei prossimi 365 giorni che neanche Barack Obama nella sua campagna elettorale è stato capace di fare di meglio.

Allo scadere del 2013 tra i miei buoni propositi c’erano proprio i tre appena elencati, piano e con un po’ di fatica sto riuscendo a rispettarli; oddio quando avevo iniziato (proprio il primo giorno) nella mia testa era scattato il pensiero: “Devo perdere 7 kg…domani voglio vedere i risultati!!!” ecco questo non è proprio l’atteggiamento corretto. :)

Però le parole dieta e  foodblogger non è che si sposino bene, bene, bene.

Sappiamo benissimo che possiamo sostituire alcuni ingredienti con altri definiti “più leggeri” tipo farina integrale al posto della farina normale, l’olio al posto del burro, sale con la salsa di soia e spezie varie, e così via…ed il risultato la maggior parte delle volte è alquanto buono, però siamo sincere: “alquanto buono” per una foodblogger non è sufficiente.

Da quando ho iniziato questo percorso mi sono un po’ messa alla ricerca (anche attraverso i foodblog) di ricette “leggere” che si possono realizzare in periodi di regimi alimentari controllati,  e quelle che mi hanno sempre lasciata un po’ attonita sono quelle tipo:

“Torta senza burro, uova, latte, zucchero, farina e lievito”, e qui la domanda sorge spontanea: Ma stellina mia, come l’hai fatta questa torta…con l’aria???????

Oppure ne ho incontrate anche di un genere di diverso tipo:

“Crocchette super-light”…già che mi metti “super-light” mi inviti a nozze, poi però poi leggo la ricetta (dose per 4 persone) e noto che tra gli ingredienti sono compresi: 200gr di Formaggio stagionato, 150gr di burro fuso, sale qb…da cuocere in forno senza aggiungere olio. Aaaaah ecco perchè “super-light” perchè le crocchette non le hai fritte!!! Come ho fatto a non arrivarci subito?

Ecco questi due casi diciamo di evitarli.

Io cerco di seguire alcuni piccoli accorgimenti, perchè perdere qualche chiletto di troppo non deve diventare uno stress fisico e soprattutto psichico altrimenti non va bene, e quindi cerco di mangiare quanto più sano e dietetico mi è possibile: prediligo la cottura in forno anzichè friggere, mangio pochi carboidrati concedendomeli solo nel fine week, cerco di sostituire il sale il più possibile (e dove non mi è possibile…pazienza!), mangio molta frutta e verdura sia cotta che cruda, uso il fruttosio che ha un potere dolcificante maggiore dello zucchero e quindi mi da la possibilità di utilizzarne meno.

Però a volte scatta nella testolina anche una piccola voglia di dolce, quella voglia che  in momenti normali ti fa affondare il cucchiaino nel barattolo della nutella per capirci, ed io non ritengo giusto che dobbiamo “privarci completamente di questi momenti”  e quindi non potendo sfruttare la nutella ecco una valida alternativa da tenere in frigo adatta proprio a queste voglie qui.

 Ingredienti
100ml di succo d’arancia
Il succo di mezzo limone spremuto
50gr di fruttosio (oppure 80gr di zucchero semolato)
8gr di colla di pesce

Come si fanno le Geléè

  • Per prima cosa mettiamo a bagno la colla di pesce e la facciamo ammollare.
  • Spremiamo il succo d’arancia e il succo del mezzo limone e li filtriamo in un colino a maglia fine.
  • Riversiamo il succo in un pentolino e ci aggiungiamo anche il fruttosio (o lo zucchero) e facciamo cuocere a fiamma bassa fino a che il fruttosio non si sia sciolto completamente formando uno sciroppo e portiamo a bollore.
  • Dal bollore facciamo cuocere ancora per un minuto.
  • A questo punto togliamo dal fuoco ed aggiungiamo la colla di pesce ormai ammollata e ben strizzata.
  • Mescoliamo per farla sciogliere completamente.
  • Versiamo il succo o in stampini di silicone (quelli per il cioccolattino per intenderci) oppure come ho fatto io, rivestiamo di pellicola trasparente una piccola pirofila di vetro (in modo da facilitarmi l’estrazione) e poi una volta raffreddato tagliamo in cubotti.
  • Poniamo in frigo 4/5 ore.
  • Serviamo spolverandoli prima di fruttosio oppure di zucchero semolato

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Cosa fare se il mascarpone del tiramisù viene troppo liquido

Cosa fare se il mascarpone del tiramisù viene troppo liquido

Il coscio di cinghiale al forno - La ricetta originale di Obelix

Il coscio di cinghiale al forno - La ricetta originale di Obelix

La ricetta dei peperoni in barattolo con tonno e olive nere

La ricetta dei peperoni in barattolo con tonno e olive nere

10 macchine per conserve che potrebbero semplificare la tua vita se ami il cibo genuino

10 macchine per conserve che potrebbero semplificare la tua vita se ami il cibo genuino

Prepara i calamari per pranzo e ha una sorpresa

Prepara i calamari per pranzo e ha una sorpresa

Ricetta tiramisù senza uova

Ricetta tiramisù senza uova

3 ricette per cucinare le patate al microonde in meno di 15 minuti

3 ricette per cucinare le patate al microonde in meno di 15 minuti