Il Bikini che ha conquistato il mondo del cinema

Bisogna fare un salto nel 1946, precisamente il 5 Luglio, quando il sarto francese, Louis Réard inventa a Parigi il primo modello moderno di bikini, battezzato con il nome dell’atollo di Bikini nelle Isole Marshall.

Negli anni, ha creato inizialmente scalpore, ha sedotto, e vestito, numerose dive e star del cinema, ed è stato proprio grazie alle sue dive, che è passato da oggetto di scandalo ad oggetto iconico e seduttivo.

Quando si parla del binomio cinema-bikini, si deve necessariamente far riferimento al Dr. No Bikini del 1962, con la Bond Girl per eccellenza, Ursula Andress.  Il suo due pezzi bianco con cintura, indossato dall’attrice in una scena del film, mentre esce dall’acqua, ha lasciato un segno nelle menti di tutti gli spettatori anche con il passar degli anni.  La stessa storica scena è stata soggetta ad un “remake” che ha visto protagonista Halle Berry che ha indossato un Bikini che sebbene di colore differente, ha lasciato inalterato il fascino della scena. Il Bikini di Ursula Andress, è stato disegnato dalla stessa attrice e dalla costumista Tessa Prendegrass, è il più famoso due pezzi che ha segnato la storia del cinema. Non è però il primo da un punto di vista temporale, è stato infatti anticipato da Brigitte Bardot in “Manina The Girl Without Veil”.

Manina la ragazza senza veli

Manina, The girl without veil

L’arma vincente del Bikini è sicuramente il suo forte sex appeal, che ha contribuito a portarlo al successo nel mondo cinematografico. Negli anni sessanta si è fatto spazio anche tra serie televisive come Baywatch, consacrandosi come un’icona della cultura pop.

Non solo un costume, è stato declinato nelle sue varianti, andando a soddisfare l’esigenza di pseudo-armature, spesso in metallo, diverse eroine dei fumetti e delle serie tv sono state proprio vestite sfruttando queste declinazioni del due pezzi, come ad esempio: Elektra, Xena, Emma Frost.

Tante le attrici, italiane e non, che non sono rimaste immuni al fascino del Bikini: da Marilyn Monroe in “Clash by Night”, alle Charlie’s Angels interpretate da Cameron Diaz e Demi Moore, da Angelina Jolie in “Tomb Raider” alle protagoniste di Spring Breakers di Harmony Corine, e non mancano le italiane Mariangela Melato in “Travolti da un Insolito Destino” e Stefania Sandrelli in “Divorzio all’Italiana”.

Il Bikini è diventato simbolo di seduzione ed eleganza nel tempo, un must have per la nostra estate, è ovvio non ci sono solo Ursula Andress e Lara Croft  “in giro” , ma non dimentichiamo che esistono un’infinità di modelli, ciascuno dei quali più si adatta alla fisicità di ciascuna, e l’importante è trovare la giusta armonia con il proprio corpo valorizzando e nascondendo eventuali punti di forza e “debolezza”, senza “costringersi” in mini due pezzi, che oltrepassano i limiti del buon gusto e della decenza.

Angelina Jolie in Tomb Raider

Angelina Jolie in “Tomb Raider”

Contessa Sophie, come il suo stile sta oscurando Meghan Markle e Kate Middleton

Lady Diana e l'hot pink: i look in rosa della Principessa Triste e perché li ha abbandonati

Kate Middleton, la collana con cui ha reso omaggio ai suoi bambini

Lady Diana, la storia della felpa Virgin Atlantic del 1995, battuta persino all'asta

Che pantaloni abbinare agli anfibi?

Zuo Ye, la modella cinese rovinata dallo spot di Dolce&Gabbana

Kate Middleton e Jimmy Choo, una storia d'amore: tutti i momenti insieme