Film strappalacrime romantici da vedere perché “L’amore è una cosa meravigliosa”

Avete presente le scimmie di 2001 Odissea nello spazio?
Beh, era una tavola rotonda. Discutevano su una questione ancora insoluta: cosa è meglio fare quando si viene mollati? Si esce a far baldoria? Chiodo scaccia chiodo? Foto della vacanza alle Canarie? Gelato? Mi abbrutisco o mi faccio forza come discutevano Rory e Lorelai in Una mamma per amica?  Film triste? Film allegro?

E giù mazzate.

Io sono la scimma che sosteneva cautamente il “dipende”. Dipende da quanto si è tristi, quanto si spera, quanto bene c’è stato, quanto male.
Allora intanto vi beccate i film che “l’amore è una cosa meravigliosa”. Perché, prima o poi, quello meraviglioso arriva. Si spera più prima che poi.

Pane e Tulipani di Silvio Soldini (1999)

Licia Maglietta

Licia Maglietta

Siamo in periodo carboidrati zero, ma i tulipani vanno benissimo, no? In Pane e Tulipani, Rosalba (Licia Maglietta) viene dimenticata in autogrill nel viaggio di ritorno da una gita fuori porta con la famiglia. Invece di aspettare lì buona buonina arriva in autostop a Venezia dove, nell’ordine: diventa fioraia, ricomincia a suonare la fisarmonica, conosce una buona amica e un cameriere dall’eloquio forbito (interpretato da Bruno Ganz). Una famiglia diversa: migliore e non disfunzionale.

Cosa impariamo, sul divano col naso che cola? Che quello che sembrava giusto per noi può essere sostituito da qualcosa di ancora più giusto per noi, se abbiamo il coraggio di fare qualcosa di pazzo.

Se mi lasci ti cancello di Michel Gondry (2004)

Jim Carrey e Kate Winslet in se mi lasci ti cancello

Jim Carrey e Kate Winslet

In Se mi lasci ti cancello, Clementine e Joel si sono amati talmente tanto che hanno finito per odiarsi e usufruire dei servizi di cancellazione della mente offerti dalla Lacuna Inc. Ogni traccia dell’altro, felice o dolorosa, è cancellata dalle loro menti. Però finiscono per incontrarsi di nuovo e decidere che, nonostante tutto, potrebbe ancora valerne la pena.

Qualcuno sostiene che sia il film più triste mai girato. Altri il contrario. È un po’ entrambe le cose. Mentre ingoiate cucchiaiate di affogato al cioccolato, pensate che, forse, siete destinati a stare insieme. E che, anche se a volte vi odiate, ci sono mille buoni motivi per amarsi. C’è speranza su questi lidi, datevi una possibilità.

Stregata dalla luna di Norman Jewison (1987)

Cher e Nicolas Cage in stregata dalla luna

Cher e Nicolas Cage

Stregata dalla luna racconta di Loretta. Una 37enne vedova bruttarella che vive con i genitori e il nonno. E di Ronny. Un panettiere senza una mano. Dovrebbero essere cognati, dato che lei è promessa sposa del fratello di Ronny, ma c’è troppa passione cari miei, davvero troppa. Mentre vi guardate allo specchio e credete di essere brutte, pensate che, magari, è brutto quello che vi ha fatto piangere così. Magari non eravate promessi sposi. Avete mai considerato suo fratello?

Serendipity di Peter Chelsom (2001)

Jhon Cusak e Kate Backinsale in serendipity

John Cusak e Kate Backinsale

La serendipità è la sensazione che si prova quando, mentre state cercando le chiavi di casa nelle tasche di tutte le vostre giacche, trovate invece 20 euro. Si cerca qualcosa e se ne trova un’altra, imprevista.

In Serendipity Jonathan e Sara stanno cercando lo stesso paio di guanti e invece si trovano l’un l’altro. Happy ending? Manco per sogno, Sara vuole che il destino faccia il birbantello, ammantando tutto di poesia. Dopo aver passato alcune ore insieme non si scambiano i numeri di telefono, come farebbero quelli dotati di buon senso, ma li scrivono lei su un libro, lui su una banconota. Prima o poi si ritroveranno, se è destino.

Io non avrei giocato così, mia cara Sara, ma sei tu la protagonista, puoi fare quello che ti pare.

Si rincontreranno alla fine, dopo immense fatiche.

Mentre controllate ogni 13 secondi il cellulare, sperando che vi chiami, ricordate che lui il vostro numero di telefono ce l’ha in memoria, non l’ha scritto su un biglietto da 5 euro. Quindi magari il vostro lui è come il fidanzato di Sara: la sua parte è farsi da parte per lasciare il posto a Jonathan.

Quindi magari la sensazione di serendipità la proverete con un altro, che deve ancora venire. Magari, mentre cercate di rimettere insieme i cocci con il vostro maschio, potreste trovare il ragazzo che sta passando adesso sotto la vostra finestra, che guarda in alto e vi vede tristi al davanzale. Fate un sorriso e incorciate le dita: se ce l’hanno fatta Sara e Jonathan, possiamo farcela tutti.

Adua Del Vesco aspetta un bambino? La richiesta alla produzione del Grande Fratello

Elisa Isoardi in stampelle, addio a Ballando con le Stelle? "Non so cosa farò"

GF Vip: I ragazzi mostrano il lato B, gli autori fermano tutto

GF Vip, Amedeo Goria parla di sua figlia Guenda: "Bellicosa e bipolare"

Rudy Zerbi annuncia il nuovo arrivo: "La famiglia si allarga"

Chi è Armanda Frassinetti? Conosciamo meglio la madre di Tommaso Zorzi

"Maria Teresa Ruta ha avuto un flirt con Telemaco": l'indiscrezione a Pomeriggio 5