Mondiale Pallavolo Femminile – Intervista a Francesca Ferretti

La palleggiatrice della nazionale ci racconta le abitudine del team.

Passato il primo round del mondiale di pallavolo femminile che si disputa in Italia, il bilancio è positivo. Le azzurre passano al secondo round dopo essersi classificate prime nel loro Pool vincendo quattro delle cinque partite nello Stadio Pallalottomatica di Roma.

Questa settimana andranno a Bari per la seconda fase di classificazione. Noi volevamo conoscere un po’ di più le loro abitudini e abbiamo parlato con Francesca Ferretti, palleggiatrice azzurra, che poco tempo fa ha avuto un intervento al ginocchio. Fortunatamente è arrivata al 100% per essere una delle 14 a vestire la tricolore.

Francesca Ferretti

Parliamo con la palleggiatrice della nazionale azzurra.

Dopo l’intervento, come sono stati questi giorni di riposo, cosa hai fatto?
Riposo neanche tanto, ho dovuto lavorare molto perché dopo qualsiasi operazione cala sempre il muscolo, quindi già dal primo giorno ho dovuto lavorare, ovviamente non con la palla, i primi 20 giorni ho fatto molta sala pesi per poi pian piano riprendere il lavoro con la palla. Quindi riposo no… anzi, lavoro, lavoro, lavoro…

La dieta delle ragazze:

Durante la competizione, come sono le vostre colazioni?
Credo che simile per tutte:  yogurt, cereali, latte. Da me non mancano mai queste cose. Poi magari la mattina hai più voglia di biscotti con la marmellata, ma la mia colazione è sempre con lo yogurt e i cereali. Oppure capita una volta ogni tanto che  abbiamo voglia del salato, per cui prendiamo delle uova o anche dei toast. E poi caffè, ovvio! Caffè prima cosa.
Come vi prendete cura di voi quando siete in competizione? Cosa dovete e cosa non dovete mangiare?
Principalmente noi possiamo mangiare tutto quello che vogliamo. È chiaro che poi dipende uno come lo tollera o come  lo digerisce. Con gli anni abbiamo preso tutte l’abitudine di mangiare sempre leggero. Per esempio a pranzo la pasta in bianco, al pomodoro o con le verdure. Oppure del pollo, la bresaola, pesce, tante verdure, tanta frutta. Comunque è un’abitudine che fin da quando eravamo bambine ci hanno dato e che dura ad oggi, cose leggere e non troppe unte.

Quante ore al giorno vi allenate?
In media quando abbiamo il doppio allenamento sono 5 o 6 ore, la mattina un paio d’ore e al pomeriggio circa 3 ore. In più si sommano le varie terapie, sessioni video. Sì, in media sono 5:30h o 6 al giorno.

Alcune curiosità:

Nel team azzurro, chi è la più vanitosa?
Bella domanda! Nel nostro piccolo un po’ tutte, ognuna ha una cosa che vuole di più o vuole di meno. Credo che la più vanitosa sia la Chirichella (Cristina), ha sempre quella linea negli occhi precisa, l’acconciatura che non va mai fuori posto. Poi tutte quante ci teniamo a essere pettinate bene.

Cristina Chirichella

Cristina Chirichella nella mix zone a Roma – @FIVB

Chi è la più divertente, quella che fa gli scherzi?
La più burlona? È Del Core… è di Napoli per cui c’e l’ha nel DNA.

Cosa fate nel tempo libero?
La prima cosa è il riposo. Quello che ci piace è rilassarci in camera, dormire. Molte devono andare a fare la terapia nel tempo libero. E quando si può fare, magari ci concediamo un giro nel centro commerciale vicino – non in città perché è più stancante. Ma una passeggiata all’aria aperta ci sta. Comunque ci piace anche stare un po’ da sole, viviamo sempre a contatto tra di noi, quindi a volte è bello isolarsi, stare un po’ per conto proprio. Ci piace anche andare su Internet e guardare un film. Queste piccole cose, ognuna in base ai suoi gusti.

Francesca Ferretti

Francesca Ferretti nell’intimità .

Ora non ci resta più che continuare a tifare per le ragazze azzurre!

 

Beverly Hills, nuovi episodi dopo 30 anni: la felicità degli attori

La depressione post-partum colpisce anche i papà

A soli 17 anni, spegne il cellulare e si getta sotto un treno: 6 mesi dopo il racconto scioccante della madre

Addio piccolo shepard

Siamo tutti nati 7 volte: voi a che numero di vita siete?

Un San Bernardo rubato

Le monete da 2 euro che valgono una fortuna