Come rilevare se il tuo partner è violento e prevenire ciò che potrebbe accadere

Tutti gli uomini violenti hanno determinate caratteristiche e si comportano in un certo modo, quindi puoi riconoscerli in tempo ed evitare di essere vittima. Come rilevare se il tuo partner è violento e prevenire ciò che potrebbe accadere

Home > Coppia e relazioni > Come rilevare se il tuo partner è violento e prevenire ciò che potrebbe accadere

La violenza contro le donne è un problema che che riguarda tutto il mondo. Nel posti più civilizzati magari si sente qualche brutta notizia ogni tanto o si parla di violenza psicologica. ma nella gran parte del globo, le donne sono ancora considerate poco pi che oggetti e spesso i maltrattamenti non sono puniti dalla legge. Ecco perché è importante capire subito con chi abbiamo a che fare.


Date le terribili situazioni che si verificano ogni giorno, possiamo utilizzare il potere che abbiamo nelle nostre mani di allontanarci da quel tipo di persone prima che sia troppo tardi, basta riconoscere i tratti della personalità di una persona violenta prima di esserne troppo coinvolte.

CARATTERISTICHE DEGLI UOMINI VIOLENTI
Attraverso uno studio condotto dal Dr. Donald Dutton, è stata condotta un’indagine la cui intenzione era quella di scoprire le differenze tra uomini violenti o non, e qual è la causa di ciò.

Detto questo, è stato determinato che i violenti mantengono un carattere privato e ripetitivo e sembrano anche avere una doppia personalità. Cioè, si comportano in un modo quando sono a casa con le loro partner e in un modo molto diverso quando sono in pubblico.

Il ricercatore ha descritto gli uomini violenti con una personalità amichevole con gli uomini e che difficilmente si preoccuperanno di loro, ma con la donna che dicono di amare diventano violenti senza cause apparenti. Questi uomini possono reagire sempre più frequentemente con attacchi verbali e fisici, che diventano anche più intensi. Di solito i primi campanelli di allarme sono insulti o modi di far vergognare la propria compagna in pubblico.

Fasi di abuso
Secondo lo studio, l’abuso è un processo ciclico, generato da un accumulo di tensione, che viene scaricato attraverso la violenza. Di solito lo giustificano con l’essere “di cattivo umore” o “un po’ teso” . Tuttavia, questi comportamenti non sono altro che un meccanismo di difesa a causa della paura e della mancanza di sicurezza della loro forza, che li invade. Pensano di essere deboli e vogliono sentirsi forti.

Accumulo di tensione
In questa fase iniziale, gli uomini che si battono diventano ossessionati dai concetti di accusa, ostilità e rimproveri fantasiosi, principalmente sull’infedeltà e la gelosia. L’uomo violento è terrorizzato dal fatto che la sua partner lo lasci, quindi insiste nel controllare il tempo e lo spazio della propria compagna.

Credono che tutti gli altri uomini vedano le loro partner come oggetti desiderabili, e anche durante la gravidanza, temono che il bambino diventerà la cosa più importante per loro, al di sopra di loro.


Esplosione con violenza fisica
Il secondo stadio, quando l’aggressore esplode dalla tensione accumulata, entra in uno stato di alterazione in cui non coordina la sua mente con il suo corpo. Non prova compassione per il dolore della sua vittima e prova persino piacere nel maltrattarla. Le aggressioni stanno diventando più forti e più veloci e si fermano solo quando sei esausta.

Quando questa aggressione è causata dalla gelosia può arrivare ad uccidere la sua vittima, di solito i pensieri che ha sono “non può lasciarmi,le faccio vedere io” o “se non posso averla, nessuno l’avrà” .

Pentimento e tenerezza
Dopo l’aggressività, arriva la fase di rimpianto. I meccanismi di difesa vanno dalla negazione su ciò che è accaduto, alle promesse che cambieranno. Potrebbero anche prendere in considerazione l’offerta di andare in terapia.

Potrebbe arrivare a minacciare di suicidarsi e ricattare la propria compagna dicendole che lei è l’unica speranza. Tutto è roseo, le dà il potere e risveglia il suo ottimismo mentre lei è d’accordo. I due cercano di convincersi che “l’amore” vincerà. Tuttavia, questo non dura, ed è una questione di tempo perché si verifichi un nuovo episodio di violenza, che forse potrebbe essere l’ultimo.

“Lo sviluppo della personalità violenta è un processo graduale che dura da anni. Le fonti principali sono: umiliazione, soprattutto per mano del padre; l’attaccamento insicuro alla madre e l’esperienza diretta dell’abuso in casa”, affermano gli esperti.