Il matrimonio fa bene alla salute

Il matrimonio fa bene alla salute, allontana il rischio di demenza.

Home > Coppia e relazioni > Il matrimonio fa bene alla salute

Il matrimonio fa bene alla salute, allontana il rischio di demenza.

 

Il matrimonio previene la demenza, così dicono gli studi. Probabilmente non pochi sosterranno esattamente l’opposto, ma le statistiche in questo caso sono inconfutabili. Una squadra di psichiatri e neurologi all’University College di Londra ha esaminato i numeri dell’incidenza dello stato civile nella salute mentale e ha trovato relazioni sorprendenti. Per realizzare lo studio, che è stato pubblicato dalla prestigiosa rivista ” Journal of Neurology, Neurosurgery & Psychiatry “, sono stati analizzati i dati di 15 precedenti indagini in cui hanno partecipato oltre 800.000 volontari di tutto il mondo. In questo modo si è scoperto che la demenza colpisce più spesso coloro che sono rimasti single per tutta la vita. In particolare, aumenta il rischio di subire questa degenerazione cognitiva del 42%.

 

L’incidenza aumenta anche nelle vedove, ma in misura minore: 20%. Il divorzio, d’altra parte, non sembra avere un effetto negativo sul cervello, anche se i ricercatori sottolineano che non è determinante in quanto non ci sono abbastanza divorzi nel campione per confermare una tendenza. Pertanto, si può dire che vivere come coppia è un balsamo per la nostra mente, sebbene le ragioni dei suoi benefici non siano state determinate scientificamente. Gli esperti stimano che sia legato al cambiamento di abitudini che la convivenza causa : “Può aiutare ad avere uno stile di vita più sano, tra cui più esercizio fisico, una dieta più sana e meno consumo di tabacco e alcol, il che riduce il rischio di demenza “, dice lo studio.

I benefici della vita sociale

Si ipotizza anche che la vita sociale delle coppie , in molti casi è più ampia e più ricca di quella dei single, sia un altro fattore differenziale. Diverse indagini hanno dimostrato che i legami familiari, gli amici e le attività nel tempo libero (viaggi, hobby …) sono uno straordinario stimolo cognitivo che previene o ritarda questi disturbi neuronali. La relazione tra il sentimento di solitudine e demenza è stata dimostrata da un’altra indagine condotta nel Centro medico dell’Università di Amsterdam (Olanda). Hanno seguito 2.000 persone anziane senza sintomi all’inizio dello studio per tre anni. Dopo quel tempo, il 10% di coloro che vivevano da solo soffriva di demenza rispetto al 5% di coloro che vivevano accompagnati.
L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima che circa 47 milioni di persone soffrano di malattie mentali e ogni anno ci sono 10 milioni di nuovi casi. È la settima causa di morte nel mondo. Insomma, il matrimonio può essere considerato come una prescrizione sanitaria, anche se per alcuni è un prezzo troppo alto per pagare per lucidità.